È morto Guglielmo Epifani, ex segretario della CGIL

Rufina Vignone
Giugno 7, 2021

Secondo quanto trapela, Epifani era stato colpito circa una settimana fa da un'embolia polmonare, dalla quale sembrava essere in ripresa. Vice di Sergio Cofferati dal 1994 al 2002, a seguito della conclusione del mandato di Cofferati, diviene segretario generale della Cgil, primo socialista a guidarla dai tempi della sua ricostituzione nel 1944.

Lutto nella politica italiana, è morto Guglielmo Epifani, deputato di Liberi e Uguali nonché ex segretario generale della Cgil e del Partito democratico, che ha guidato come reggente dal maggio al dicembre 2013, passando il testimone da Pierluigi Bersani a Matteo Renzi. Il 25 febbraio 2017 seguì Bersani nell'addio al Pd Movimento Democratico e Progressista (qui l'ultimo intervento alla Camera, il 20 maggio scorso). È stato un protagonista della stagione sindacale in difesa dell'articolo 18 e di molte battaglie sindacali di quegli anni. Nel 1990 entrò nella segreteria confederale e nel 1993 venne nominato segretario generale aggiunto da Bruno Trentin. Sempre dalla parte dei lavoratori. Cordoglio e commozione sono stati espressi da tutto il mondo politico, anche dallo schieramento opposto.

Enrico Letta: "Notizia drammatica" - Il leader del Pd Enrico Letta ha detto che la sua morte è "una notizia drammatica". "Un uomo - afferma Giovanni Sgambati, segretario Uil Campania - che ha dedicato la propria vita prima nel sindacato e poi in Parlamento, ai diritti delle lavoratrici e dei lavoratori".

Se è concesso un piccolo ricordo a chi scrive, avendolo intervistato tante volte, mi è rimasto impresso un tratto distintivo, oltre la signorilità: la curiosità di capire i punti di vista diversi e confrontarsi, la voglia di approfondire gli argomenti senza preconcetti: un segretario ricco di idee e privo di ideologie. "Il suo impegno e la sua storia saranno sempre attuali".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE