Niente mascherina all'aperto con 30 milioni di vaccinati

Geronimo Vena
Mag 10, 2021

Ci vuole dunque ancora un po' di pazienza prima di poterci togliere la mascherina all'aperto. Intervenendo a 24 Mattino su Radio 24, Sileri ha ipotizzato, appunto, quando ci troveremo in una situazione tale da poter evitare di indossare sempre la mascherina per proteggerci dal Coronavirus. Ha poi aggiunto: "Per la fine di giugno, con i numeri delle vaccinazioni a cui stiamo assistendo, dovremmo assistere alle riaperture che vediamo in Gran Bretagna". "Concordo con questa ipotesi quando saranno raggiunti i 30 milioni (la metà della popolazione target) con almeno una dose di vaccino, bisognerà aspettare 3 settimane per avere una buona protezione, allora è chiaro che anche la mascherina all'aperto dove non c'è assembramento credo sia sensato mettersela in tasca e rimettersela in faccia quando c'è assembramento e rischio". Ma a suo dire "la presenza di un Green Pass, che ti consente la mobilità, di muoverti, sarà un ulteriore stimolo alla vaccinazione".

Il sottosegretario alla Salute conferma di essere favorevole ad uno spostamento del coprifuoco, ma non alla sua abolizione: "Fra le 23 e le 24, io direi mezzanotte, entro un paio di settimane e continuando a controllare i numeri". Ma quando avremo raggiunto la soglia di almeno 30 milioni di persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino. Solo allora anche l'alto numero di decessi giornalieri (attualmente oscillanti tra i 200 e 300) scenderà, sostiene Sileri, così come si ridurranno i ricoveri ospedalieri.

Su 'Il Messaggero' chiede di "riaprire anche se i contagi dei giovani cresceranno" e sul coprifuoco dice che "tra due settimane il limite delle 22.00 si potrà spostare" ribadendo che "l'indice Rt deve pesare di meno". "Non vedo perché non debbano riaprire nel breve termine" e pertanto potrebbero rientrare nel prossimo giro di riaperture, seppur "con determinate regole". Sileri aggiunge che "un centro commerciale nel quale hai termoscanner all'entrata e flussi contingentati, innanzitutto sono un filtro". Ciò non significa che non si possa morire di covid a 40 anni, ma le chance sono più basse.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE