Denise Pipitone, una taglia da 50mila dollari per le informazioni

Geronimo Vena
Mag 5, 2021

A quanto pare ci sarebbero in corso dei sopralluoghi a casa di Anna Corona perché si pensa che la piccola Denise Pipitone possa essere stata murata lì dentro. Nell'abitazione di via Pirandello sono giunti i carabinieri della sezione Rilievi del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Trapani, insieme con i colleghi della Compagnia di Mazara del Vallo. Anna Corona è la madre di Jessica Pulizzi, la ragazza che era finita sotto processo per il sequestro della bambina ma che poi venne assolta.

Sul caso interviene anche l'ex Procuratore di Marsala Alberto Di Pisa, commentando la notizia della riapertura delle indagini sul caso della piccola Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel nulla da Mazara del Vallo il primo settembre del 2004.

E' stata disposta un'ispezione, per "accertare lo stato dei luoghi".

Nel momento in cui tutte le parole della pm siano vere, si dovrebbe procedere con un'indagine, tra processi e condanne, in questo modo la Polizia Giudiziaria le sta chiedendo più volte che queste opinioni siano valide. Tra le ultime notizie emergono anche delle rivelazioni di Maria Angioni, ex pm ed ora giudice a Sassari, che all'epoca indagò sul caso.

Si ispeziona pozzo sotto una botola in garage I vigili del fuoco hanno portato bombole di ossigeno, torce e scale per potere ispezionare un pozzo che sarebbe stato localizzato sotto una botola del garage. "Conoscevo la signora Anna Corona, perché per 20 anni ha abitato qui, ma mai ci siamo scambiati confidenze", dice l'anziana donna che vive di fronte l'edificio disabitato ormai da anni e i cui proprietari vivono in Svizzera.

Fonti di stampa avevano comunicato nelle scorse ore che al vaglio degli inquirenti ci sarebbe stata una segnalazione che sarebbe arrivata al palazzo di giustizia da parte di un anonimo che ha parlato di una misteriosa botola e di alcuni "strani" lavori di ristrutturazione. Due militari sono entrati nel garage, usando le chiavi della custode, ma dopo pochi minuti sono usciti. I magistrati stanno cercando di capire se ci sono stati depistaggi, fughe di notizie o errori nell'inchiesta. Il legale ha stigmatizzato la fuga di notizie, mentre la mamma di Denise, visibilmente provata, ha chiesto di abbandonare la trasmissione. Intanto, dallo studio di Mattino Cinque, si apprende dell'imprenditore Tony Di Piazza che avrebbe messo sul tavolo 50mila dollari destinati a chiunque sia in grado di fornire informazioni utili sulla scomparsa della piccola.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE