Open Arms, Matteo Salvini rinviato a giudizio: ecco cosa rischia

Geronimo Vena
Aprile 18, 2021

Il gup di Palermo, Lorenzo Jannelli, ha alla fine stabilito il rinvio a giudizio per il caso Open Arms, come richiesto dalla Procura circa un mese fa.

Matteo Salvini ha commentato la decisione del giudice con un breve post pubblicato sui social: "Rinviato a giudizio".

Dalla Ong Open Arms è arrivato un tweet dopo la notizia di Salvini rinviato a giudizio, "Felici per le persone che abbiamo tratto in salvo (...)". La difesa di Salvini nel corso dell'arringa ha sostenuto che la decisione del senatore, dettata dall'esigenza di tutelare i confini nazionali e che comunque fosse stata presa dall'intero Governo. "La difesa della propria Patria è un sacro dovere di ogni cittadino". Cosi Matteo Salvini commenta il rinvio a giudizio per rifiuto di atti d'ufficio e sequestro di persona nei suoi confronti del gup di Palermo per il caso Open Arms. "Vado a processo per questo, per aver difeso il mio Paese? - ha aggiunto - Ci vado a testa alta, anche a nome vostro". Articolo 52 della Costituzione. "Mi dispiace per i miei figli ma cristianamemente sopporto" si legge su Rai News. Fu decisivo l'intervento del procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, che dopo essere salito a bordo, decise di disporre lo sbarco e il sequestro preventivo della nave, ipotizzando il reato di omissione di atti di ufficio. Speriamo che giustizia sia fatta per quelle persone, per le loro famiglie che hanno sofferto a distanza, per i volontari, per tutte le organizzazioni umanitarie che hanno subito molti attacchi nel corso di questi anni. "La verità del #Med è una, siamo in mare per raccontarla". "Grazie per tutti i messaggi che mi avete inviato, la vostra vicinanza vuol dire molto, vi voglio bene". C'è una visione salvinocentrica.

"L'Italia - scrive la legale - non è mai stata competente secondo il diritto internazionale per l'indicazione del Pos in quanto, anche a voler escludere la possibilità di una competenza libica, lo Stato responsabile per il rilascio del Pos era la Spagna, quale Stato di bandiera della nave Open arms, e, limitatamente al terzo episodio, Malta".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE