Conferenza stampa Draghi: cosa ha detto su Covid, Sostegni, vaccini

Barsaba Taglieri
Marzo 12, 2021

Il tutto senza abbassare la guardia, perché la terza ondata rischia di essere violenta come la prima: "I dati ci impongono massima cautela per limitare il numero di morti e impedire la saturazione delle strutture sanitarie". Abbiamo proceduto a vaccinare nelle Rsa, dove vivono i nostri concittadini più fragili.

Aggiunge: "Qualche giorno fa ho ringraziato gli italiani per la loro infinita pazienza". Ha sottolineato la massima collaborazione tra tutti gli enti coinvolti e ha proseguito: "Sono consapevole che le misure di oggi avranno conseguenze sull'istruzione dei figli, sull'economia e sullo stato psicologico di tutti noi". Per questo i 32 miliardi già autorizzati sono interamente impegnati. Mentre completeremo la vaccinazione di queste categorie, procederemo rispettando un ordine dato dall'età e dalle condizioni di salute.

Tra i provvedimenti più significativi ci sono il prolungamento della cassa integrazione guadagni e un più ampio finanziamento degli strumenti di contrasto alla povertà per il sostegno dei nuovi poveri.

"A queste misure" quelle anti Covid nel decreto approvato oggi in Cdm "si accompagna l'azione di governo a sostegno di famiglie e imprese e l'accelerazione della campagna vaccinale, che sola dà speranza di uscita dalla pandemia". E ha ricordato l'impegno a garantire il diritto al lavoro agile per chi ha figli a casa per la Dad o per un quarantena. "Per chi svolge attività che non consentono lo smart working, sarà riconosciuto l'accesso ai congedi parentali straordinari o al contributo baby-sitting".

Draghi ha anche parlato di quanto accaduto negli ultimi giorni con i vaccini AstraZeneca, dopo che l'Aifa ha sospeso la somministrazione di dosi da uno specifico lotto per alcuni decessi sospetti. Si tratta una decisione precauzionale, in linea con quanto fatto in altri Paesi europei, e che dimostra l'efficacia dei sistemi di farmacovigilanza. "Ho intenzione di proporre al Parlamento, in occasione della presentazione del Documento di Economia e Finanza, un nuovo scostamento di bilancio".

Infine il presidente del Consiglio ha concluso: "A tutti, chiedo di aspettare il proprio turno, come ha fatto in maniera esemplare il Presidente della Repubblica. Agli autonomi e alle partite IVA che hanno patito perdite di fatturato riconosceremo contributi in forma più semplice e immediata, senza criteri settoriali".

L'annuncio: "Di oggi è la conclusione del primo contratto tra un'azienda italiana e un'azienda titolare di un brevetto". Questo significa che l'Italia potrà contare sulla propria capacità produttiva per avere a disposizione un maggior numero di dosi di vaccino.

Sui vaccini: "Ad oggi, si vedono già i primi risultati di un'accelerazione".

Nei primi giorni di marzo è stato somministrato quasi il 30% di tutte le vaccinazioni fatte in precedenza, nonché il doppio della media dei due mesi precedenti.

Al momento l'Italia viaggia con un ritmo di 170.000 somministrazioni al giorno, ma l'obiettivo è di "triplicarlo al più presto", specialmente grazie all'autorizzazione che otterrà il vaccino Johnson & Johnson.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE