Vaccini Covid, giovedì i primi ''estremamente vulnerabili'' chiamati dalle strutture sanitarie

Rufina Vignone
Marzo 4, 2021

Sono state già inoculate le prime dosi di vaccinazione nei domicili delle persone che si erano regolarmente registrate nella piattaforma regionale.

“È un altro passo importante nello sviluppo della campagna di vaccinazione - spiega lassessore Simone Bezzini - che ci consente di rispondere sempre di più ai bisogni delle fasce più deboli della popolazione, a partire dai più fragili, da chi è più a rischio.

Le equipe itineranti stanno svolgendo la campagna con il massimo impegno.

I primi soggetti estremamente vulnerabili ad essere contattati saranno quelli attualmente in carico alle aziende sanitarie e ospedaliero-universitarie, che li chiameranno direttamente per fissare lappuntamento per il vaccino, e nel caso che alcuni di loro non possano essere vaccinati per loro condizioni particolari le aziende vaccineranno dei conviventi e/o care giver. L'ultimo dato è aggiornato nella mattinata di oggi martedì 2 marzo. Segue il personale non sanitario delle varie strutture e gli ospiti delle strutture.

Poiché l'informazione relativa a una pregressa infezione da Sars-CoV-2 viene raccolta al momento della vaccinazione attraverso un modello di autocertificazione, evidenzia la circolare, "si raccomanda di raccogliere, ogni qualvolta disponibile, evidenza di documentata infezione da Sars-CoV-2".

"Regione Lombardia si faccia parte attiva affinché le ATS trovino il modo di interpellare questi ultra 80enni mancanti, che probabilmente sono semplicemente soli o tagliati fuori dalla tecnologia e dalle informazioni, senza sapere quindi che basta recarsi in farmacia per essere supportati nella prenotazione".

Nel frattempo proseguono a pieno ritmo anche le vaccinazioni con AstraZeneca nei 50 punti vaccinali distribuiti sul territorio regionale: questa settimana saranno 25mila circa. E' possibile immaginare che qualcuno di loro non voglia farsi vaccinare, ma 150.000 missing all'appello sono davvero troppi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE