Elezioni amministrative, si vota a ottobre: date decise, a breve il decreto

Rufina Vignone
Marzo 4, 2021

L'aspirante sindaco della Lega, a Torino, si schiera contro lo slittamento delle elezioni comunali: "Così penalizziamo i progetti e ci limitiamo all'ordinaria amministrazione".

Intanto nel governo cresce l'ipotesi di un rinvio a dopo l'estate di tutte le elezioni che si terranno da qui a fine giugno.

Le consultazioni elettorali, se si aggiungono i tradizionali comizi politici nelle settimane precedenti, rappresenterebbero un rischio epidemiologico elevato. Al Viminale è stata portata avanti e sembra essere terminata l'istruttoria che decreta il rinvio del voto. Ma ora serve un decreto legge da approvare in Consiglio dei ministri. Il provvedimento dovrebbe arrivare entro l'11 marzo, data entro cui devono essere presentate le liste per le regionali in Calabria. In questo caso i ballottaggi delle comunali si terrebbero il 24 e il 25 ottobre. I quattro-cinque mesi extra potrebbero tornare utili anche al centrosinistra, ancora incagliato sul nodo delle primarie, mentre il favorito per la sfida di Palazzo Senatorio, l'ex ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, potrebbe finalmente sciogliere la riserva o, qualora si tirasse indietro, consentire alle forze di coalizione di riorganizzarsi.

Stando a fonti sia parlamentari sia governative, a causa dell'aumento dell'ultimo periodo dei casi di contagio da Covid-19, e di una possibile terza ondata dovuta alle varianti, le elezioni amministrative, in programma inizialmente in primavera, molto probabilmente slitteranno al prossimo autunno. Inoltre è atteso il voto anche in alcuni comuni capoluogo di provincia: Benevento, Carbonia, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE