Maestra perse lavoro dopo video hard, due condanne

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 19, 2021

"È stato messo un punto fermo: la verità è emersa". Sono le parole della giovane maestra d'asilo che nel 2018 perse il posto di lavoro commentando le condanne pronunciate dal Tribunale di Torino. Al suo fianco i legali che l'hanno accompagnata in questo lungo percorso giudiziario, Dario Cutaia e Stefano Fragapane: "Questa sentenza dimostra che nessuno, tantomeno le donne, debba essere giudicato per quello che fa in camera da letto".

"Siamo tutti lupi cattivi di una storia raccontata male". La direttrice della struttura è stata condannata a un anno e un mese di reclusione per diffamazione e violenza privata (provvisionale di 7.500 euro). E' il commento della direttrice dell'asilo torinese al centro del caso della giovane insegnante che perse il lavoro dopo la diffusione non voluta di immagini intime. Il tribunale ha inflitto 8 mesi a una collega dell'insegnante. A dibattimento, invece, c'è la mamma (assistita dall'avvocato Falvia Pivano) che prima inoltra le immagini e poi tenta di convincere la vittima a non denunciare l'ex fidanzato amico del marito.

Maestra perse lavoro dopo video hard, due condanne

I fatti I fatti si svolsero nel 2018 nell'area metropolitana di Torino. Tutto nei giorni in cui la maestra fu - secondo quanto disse la pm Chiara Canepa in una precedente occasione - sottoposta a una vera e propria "gogna scolastica" e spinta a rassegnare le dimissioni durante una riunione burrascosa in cui fu "additata" e "umiliata" per avere fatto "certe cose".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE