Covid, l’Italia vira in ‘rosso’, al via la stretta di Natale

Rufina Vignone
Dicembre 25, 2020

Punto fermo del lockdown di Natale è che si trascorrerà in famiglia e che il coprifuoco scatterà sempre alle 22. Gli alberghi potranno restare aperti ma sono vietati i cenoni del 31 dicembre. Andiamo quindi a ricapitolare tutte le norme che bisogna osservare con il Decreto Natale. Ecco dunque spiegato il boom di spostamenti nelle località di villeggiatura e nelle case di proprietà usate per le vacanze, registrato nella prima metà di dicembre.

Oggi, 24 dicembre, l'Italia entra in zona rossa.

"Consentiti, senza limiti di orario gli spostamenti di chi svolge attività assistenziali, nell'ambito di un'associazione di volontariato, anche in convenzione con enti locali, a favore di persone in condizioni di bisogno o di svantaggio". Restano valide le eccezioni per "comprovate esigenze", di lavoro, salute e urgenze, ma sempre con autocertificazione. Sarà possibile spostarsi una volta al giorno, massimo due per volta, salvo la presenza di figli minori di 14 anni e persone disabili, per far visita a parenti e amici che abitino anche in altri Comuni ma nella stessa Regione. La penultima voce: "Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet, per televisione, per corrispondenza, radio, telefono" rende chiaro già da sola che ogni genere di negozio - a parte bar e ristoranti - può decidere di rimanere aperto. Per questi ultimi è consentito l'asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio senza restrizioni. E così il Viminale schiera le forze dell'ordine.

Per le coppie che vivono in città diverse è possibile spostarsi solo se il luogo scelto per il ricongiungimento coincide con quello in cui si ha la residenza, il domicilio o l'abitazione.

Covid, l’Italia vira in ‘rosso’, al via la stretta di Natale

E' possibile il rientro presso la propria abitazione?

Dal 21 al 6 gennaio sono vietati gli spostamenti fra Regioni. Sono autorizzate anche le passeggiate nei pressi della propria abitazione, l'attività motoria in forma individuale (sempre vicino casa) e l'uso della bicicletta.

L'Italia, tutta, si deve rassegnare a un Natale che giocoforza sarà necessariamente diverso da quelli che abbiamo vissuto finora.

E' possibile spostarsi nelle seconde case? Non ci sono invece deroghe per gli spostamenti verso le seconde case fuori regione. Possono uscire dalla Regione solo i residenti nei comuni al di sotto dei 5 mila abitanti ma sempre entro i 30 km dalla propria residenza e senza andare verso il capoluogo di provincia. Questi spostamenti rientrano nelle motivazioni di "necessità".

Scatta il reato di falsa attestazione a un pubblico ufficiale, previsto dall'articolo 495 del codice penale e punito con la reclusione da 1 a 6 anni, nel caso in cui, nelle ipotesi in cui debba essere presentata, l'autocertificazione sugli spostamenti non sia veritiera. Nel decreto Natale non vi sono divieti allo spostamento per assistere persone non autosufficienti. Almeno per chi può. Si ritiene che sia tuttavia ammesso lo spostamento di una sola persona adulta, ovvero la misura minima necessaria.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE