Natale in Casa Cupiello: tra polemiche e grande attesa

Ausiliatrice Cristiano
Dicembre 23, 2020

Durante la vigilia di Natale, la sbadataggine di Luca mette di fronte i due rivali e la realtà irrompe prepotente nel clima presepiale di casa Cupiello.

È in arrivo su Rai1 "Natale in casa Cupiello", l'attesissima trasposizione filmica dell'intra- montabile opera teatrale di Eduardo De Filippo, firmata dal regista Edoardo De Angelis. Non c'è nemmeno bisogno di dirlo e l'artista che sarà protagonista nel ruolo di Luca Cupiello lo sa benissimo. A Natale esiste solo il presepe per Lucariello, un oggetto che diventa il centro di tutto il suo mondo al punto di fargli perdere coscienza di tutto quello che gli accade intorno.

Natale in casa Cupiello è un film ambientato negli anni Cinquanta a Napoli, per l'esattezza nel 1950. Ma a nessuno interessa. Non a suo figlio Tommasino, nonostante i tentativi di seduzione. Almeno questa decisione è stata mossa per amore dell'uomo che ha sempre amato, Vittorio.

Il problema insorge quando il pezzo di carta finisce tra le mani di Lucariello che provvede alla consegna. Nicolino scopre così il tradimento della moglie. Sarà il presepe a risollevare la situazione? Ci racconta di Luca Cupiello: "E' un personaggio di cui oggi sentiamo la mancanza perché sentiamo la mancanza dell'innocenza, di un uomo adulto, il più vecchio di tutti in quella famiglia, ma è l'unico che riesce a conservare la delicatezza del sogno e questa innocenza che gli altri considerano anche un po' stupida ma lui ogni anno prende i cartoni che ha in cantina e li apre, tira fuori questi pupazzi e cosa cerca di fare... di ricomporre questa famiglia che è un po' di matti e cerca di ricomporre i pezzi, ogni cosa al suo posto, in quel sogno c'è tanta verità". Un anno emblematicamente sospeso tra la guerra e il benessere. Un momento di passaggio in cui in qualche modo riecheggia questo 2020 che stiamo vivendo. "È una commedia che fa piangere Natale in casa Cupiello".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE