Sciatori ammassati nella funivia a Cervinia: il video

Rufina Vignone
Ottobre 26, 2020

La società Cervino Spa forniva la mascherina chirurgica a chi ne fosse sprovvisto. Sono stati circa 2.200 i primi instancabili appassionati dello sci che non hanno voluto perdersi il privilegio della 'prima giornata', una tradizione per chi ama gli sport invernali.

In tanti si chiedono come sarà la stagione sciistica vista l'epidemia di Coronavirus e oggi ci si è dovuti confrontare con le prime code che si sono create in mattinata alle biglietterie e che sono state gestite, secondo quanto spiegano da Cervinia, grazie al rispetto di tutti. "Gli impianti sono aperti agli sciatori amatoriali solo subordinatamente all'adozione di apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e validate dal Comitato tecnico-scientifico, rivolte ad evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti".

Nessuna coda invece sulle seggiovie in quota, e in pista, dove il distanziamento è intrinsecamente garantito dalla pratica dello sci.

Sciatori ammassati nella funivia a Cervinia: il video

Più che l'incontenibile voglia di correre subito a sciare già dal primo giorno di apertura, a far indignare è ovviamente il fatto che a queste persone sia stato concesso di salire così in tanti sulla funivia, infischiandosene del distanziamento.

Il DPCM firmato dal premier Giuseppe Conte, infatti, impone sino al prossimo 24 novembre la chiusura degli impianti di risalita, ma con il preciso riferimento alla possibilità di evitarlo se il CTS approverà, appunto, un nuovo protocollo che si sta allestendo in queste ore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE