Inter, Conte: "Eriksen? Ne parlate troppo, se non sta bene non gioca"

Rufina Vignone
Ottobre 25, 2020

Nonostante tutto, complici le assenze che hanno falcidiato la rosa nerazzurra, il classe '92 è partito titolare sia contro il Borussia in Champions che contro il Genoa senza, però, riuscire a trovare lo spunto per mettersi in evidenza e costringere il suo allenatore a prenderlo seriamente in considerazione per le prossime partite. Anche in passato abbiamo avuto sempre equilibrio: voi parlate di numeri, ma io devo fare un'analisi fredda e precisa. Abbiamo concesso gol su una palla sbagliata. Oggi non abbiamo preso gol, l'abbiamo messa nella giusta direzione.

"Kolarov? Bisogna dare tempi ai nuovi arrivati, bisogna fare amichevoli". Ovvio che Bastoni conosca di più i meccanismi rispetto ad Aleksandar. Il tecnico dell'Inter si gode Lukaku e dei protagonisti inaspettati: "Ranocchia ha fatto una grande partita, questo dimostra la sua serietà".

"Lukaku? Ho sempre parlato di un diamante grezzo". L'ho chiesto a gran voce in esperienze precedenti. Poi segna sempre ed è una cosa importante per un attaccante. Anzi, la Rosea scrive che dal match di Genova si ha l'ennesima dimostrazione che l'ex Tottenham non è tagliato per il gioco di Antonio Conte. Ha delle caratteristiche, le state vedendo. Cerchiamo di metterlo nelle migliori condizioni per esprimersi al meglio.

Sono tre le partite consecutive in cui l'Internazionale non vince, allora la prima pagina di QS Quotidiano Sportivo chiede alla compagine meneghina un cambio di rotta, se obiettivi sono quelli di trionfare in campionato. "Non è giusto per il calciatore, né per l'Inter".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE