Scuola - Cecchetti (Lega): "Caos totale, Conte e Azzolina bocciati!"

Bruno Cirelli
Settembre 10, 2020

Faccio un appello a tutti: "teniamo fuori la scuola dalle dispute elettorale; è da irresponsabili strumentalizzare l'educazione de nostri ragazzi per un pugno di voti".

Rossano Sasso, deputato della Lega, ha commentato l'audizione a Montecitorio a Lavori in Corso, analizzando la situazione che le scuole hanno davanti. "In questo modo potrà ribaltare il vecchio adagio popolare cavalcato dalle opposizioni di qualsiasi colore, per cui se una cosa va male è colpa del governo, mentre se va bene è grazie agli enti locali". "Sì, ce lo chiede il mondo della scuola italiana", ha risposto ad una domanda in merito. Per 6 mesi ci siamo sentiti dire tutto e il contrario di tutto dal ministro, ma la colpa più grave è quello di non avere stabilizzato tutti i docenti precari, con il risultato che ci sono 60mila cattedre scoperte. I famosi banchi non sono arrivati.

Bastava diminuire il numero di alunni per classe, garantendo le distanze. Avevano suggerito anche di usare gli spazi delle scuole paritarie o quelli del patrimonio immobiliare statale. Poi il 14 settembre, data scelta a livello nazionale per il ritorno tra i banchi (monoposto), torneranno gli altri che avranno l'accoglienza di eccezione di Sergio Mattarella, che ha scelto il Comune veneto per inaugurare l'anno scolastico.

La Azzolina ha dimenticato tutte le categorie dei lavoratori scolastici e chi vincerà il concorso entrerà in aula a metà 2021. Ci sono insegnanti che non sanno in che scuola e città insegneranno, genitori che non sanno a che ora entreranno e usciranno da scuola i loro figli. "Noi come Lega siamo pronti a collaborare, vorremmo un ministro capace di ascoltare".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE