Banksy è Neil Buchanan di Art Attack? Il conduttore smentisce

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 10, 2020

Come al solito si tratta soltanto di voci e Buchanan le smentisce senza mezzi termini "Non c'è niente di vero in queste indiscrezioni".

Vero è che alcuni al contrario si sono detti piuttosto scettici in merito alla teoria, preferendo piuttosto l'ipotesi più accreditata che vedrebbe l'artista come Robert Dał Naja, uno dei membri della band "Massive Attack".

Ebbene, l'artista si trova oggi coinvolto in un rumor davvero divertente che ha fatto il giro di Twitter. Secondo un utente, infatti, la mente creativa dietro due delle celebri opere dell'artista di strada, ovvero il murale Balloon Girl e L'amore è nel cestino, è proprio Neil Buchanan. Secondo l'utente, in tutte le città i cui si è esibito Neil con il suo gruppo musicale sono poi apparse le opere di Banksy. Ma le sue opere controverse e sempre attualissime sono avvolte da un mistero irrisolto: qual è la vera identità di Banksy? Tutto questo mi porta a crederci senza dubbio. Una di quelle che ha subito convinto diversi utenti della piattaforma social sembrava dimostrare che Neil Buchanan, presentatore della versione britannica di Art Attack, poteva essere Banksy.

Innanzitutto hanno esordito con la scritta: Neil Buchanan NON è Banksy. Vi riportiamo la traduzione qui di seguito.

Banksy è Neil Buchanan di Art Attack? Il conduttore smentisce

Siamo stati sommersi da richieste durante il fine settimana sull'attuale storia che circola sui social media.

Anche se non siamo stati in grado di rispondere personalmente a ciascuna domanda, possiamo confermare che non c'è alcuna veridicità sulle voci che si stanno diffondendo in questo momento. "Neil ha trascorso il lockdown insieme alla sua famiglia - si legge in conclusione - e ora si prepara a lanciare la sua nuova collezione d'arte nel 2021". Grazie e stai al sicuro, per favore.

Che ne pensate? Anche voi eravate convinti che dietro l'identità di Banksy si celasse il nostro Neil di Art Attack?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE