San Siro, accordo sulle volumetrie

Rufina Vignone
Giugno 26, 2020

È una giornata importante per Inter e Milan: le due società, nell'incontro di oggi, avrebbero trovato l'accordo con il Comune di Milano per il nuovo stadio.

Il comunicato divulgato in serata ufficializza "significativi passi avanti nella messa a punto del progetto presentato dai club per la rifunzionalizzazione dell'attuale impianto Giuseppe Meazza e la creazione di uno Sports and Entertainment District a San Siro con un ridotto indice volumetrico equivalente a 145 mila metri quadrati". Il progetto va avanti come i contatti con il Comune per cercare di trovare l'accordo definitivo sul nuovo stadio che dovrebbe ospitare entrambe le compagini. L'assessore all'urbanistica Pierfrancesco Maran lo aveva infatti bloccato proprio a causa dell'indice delle volumetrie, che riteneva troppo alto. L'obbiettivo è quello di creare un nuovo stadio e un distretto sportivo all'avanguardia. "Perché la Giunta dichiari la pubblica utilità - ha spiegato - deve avere in suo possesso un piano progettuale ed economico-finanziario rifatto". Comune di Milano, FC Internazionale Milano e AC Milan ritengono di fondamentale importanza, soprattutto nell'attuale contesto, poter avviare a Milano un progetto che genererà un incremento occupazionale stimato tra 3.000 e 3.500 posti di lavoro e migliorerà un'importante area urbana, diventando una straordinaria opportunità per la Città di Milano e per il calcio italiano. Sul tavolo c'era la questione nuovo stadio: un tema molto caro a Milan ed Inter, che vorrebbero sostituire 'San Siro' con un impianto avanguardistico.

Inter, Milan e Comune dovranno scegliere il progetto vincente entro agosto: "In corsa ci sono la Cattedrale di Populous e gli Anelli di Milano di Manica-Sportium, che hanno rielaborato i rendering presentati a settembre: l'obiettivo di giocare la prima partita nella nuova arena nel 2024 resta confermato, mentre soltanto dopo si completerà l'intero distretto, con l'inaugurazione prevista per il 2028". Si pensa a una pista ciclabile, un'area per il jogging, una palestra all'aperto, un'area per l'utilizzo dello skateboard e una parete per l'arrampicata.

"Il costo della rifunzionalizzazione del Meazza, pari a circa 74 milioni di euro secondo la stima delle squadre, porterebbe a un indice edificatorio massimo di 0,51 metri quadri/metri quadri, equivalente a 145 mila metri quadri di SL".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE