Dramma Zanardi: l'uomo è stabile, c'è un filo di speranza in più

Rufina Vignone
Giugno 23, 2020

Rimangono stabili le condizioni cliniche di Alex Zanardi, ricoverato al policlinico Santa Maria alle Scotte dal 19 giugno. I sanitari spiegano che "le condizioni attuali di stabilità generale ancora non consentono di escludere la possibilità di eventi avversi e, pertanto, il paziente resta sempre in prognosi riservata". Questo il bollettino delle 12 dell'ospedale Le Scotte di Siena, letto in un punto stampa fuori la struttura. Stando a quanto appreso dall'Adnkronos, si sta ricostruendo nel dettaglio la dinamica dello schianto in cui è rimasto gravemente ferito il campione classe 1996, e la modalità di svolgimento della staffetta di ciclisti paralimpici "Obiettivo Tricolore" a cui stava partecipando, promossa dal progetto 'Obiettivo 3', fondato dallo stesso pilota di Formula 1. Il bollettino ha poi specificato che le condizioni cliniche restano invariate nei parametri cardio-respiratori e metabolici, mentre il quadro neurologico resta grave. Mi sono buttato sulla destra, però è stata una frazione di secondo e mi ha colpito.

Ad Alex ora serve solo riposo.

I medici fanno trasparire un pizzico di fiducia sulle condizioni del campione paralimpico.

Sembrerà strano che sia io a scrivere così, tenuto conto che una volta sono finito all'ospedale perché tamponato, dopo la ripartenza da un passaggio a livello, da una signora che aveva valutato male la velocità di ripartenza e un'altra volta un furgone mi ha buttato in una cunetta ed è andato via come se nulla fosse.

Zanardi da oggi va ad affrontare una settimana-chiave per la guarigione dai gravi traumi dell'incidente in handbike a Pienza: sempre tenuto in coma farmacologico, prosegue il lento recupero iniziato dopo l'intervento neurochirurgico nel policlinico senese.

ZANARDI: è ancora GRAVE, ma STABILE. "Vuol dire che non c'è un passo indietro e questo ci dà grande fiducia".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE