Ue, l’Italia chiede aiuto al Fondo di solidarietà per dei prestiti

Bruno Cirelli
Mag 1, 2020

L'Italia chiede per prima aiuto all'Europa.

L'Italia ha presentato una richiesta al Fondo di solidarietà europeo per il sostegno.

A marzo l'Esecutivo di Bruxelles aveva cambiato il mandato per ampliare lo scopo degli aiuti anche alle questioni che riguardano l'emergenza sanitaria.

La commissaria per la coesione e le riforme, Elisa Ferreira, ha dichiarato: "L'Italia è attualmente lo Stato membro più colpito dalla crisi del coronavirus ed è il primo paese a chiedere aiuto dall'UE".

La Commissione attende ulteriori domande e dal 24 giugno (data di scadenza per la presentazione delle richieste dei singoli Stati membri) le valuterà come un 'pacchetto', per poi presentare gli aiuti finanziari al Parlamento e al Consiglio europeo. "Il Fondo fa parte degli strumenti che la Commissione ha rapidamente messo in atto per alleviare l'onere a carico dei bilanci degli Stati membri, quale dimostrazione concreta della solidarietà europea in questi tempi difficili". Per il 2020 il Fondo dispone di 800 milioni di euro per fornire aiuti finanziari ai paesi dell'Unione Europea più colpiti dalla crisi. Il sostegno mira ad alleviare l'onere finanziario delle misure di risposta immediata, come la fornitura di assistenza medica e l'acquisto di attrezzature mediche, il sostegno ai gruppi vulnerabili, le misure volte a contenere la diffusione della malattia, il rafforzamento della preparazione e altro ancora.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE