F1/ Sticchi Damiani risponde alla bozza del calendario: "Monza si fa"

Rufina Vignone
Aprile 30, 2020

Sebbene appare ormai evidente che non si potrà fare a meno di tenere le porte chiuse. Sono infatti date per certe le doppie gare a Spielberg e Silverstone nel mese di luglio, tenendo in considerazione la possibilità di disputare le gare in senso inverso. "Non siamo interessati a organizzare un Gran Premio senza tifosi per molte ragioni, quindi stiamo vedendo come regolarci, perchè il pubblico è una componente del reddito totale". "Stiamo trattando giornalmente con Liberty Media e posso dire che molto probabilmente Monza si correrà a porte chiuse", ha dichiarato Sticchi Damiani come riportato dall'Ansa. "Ci auguriamo che l'emergenza sia finita, confidiamo in un miracolo, ma oggi ci stiamo attrezzando per un GP a porte chiuse".

Questa mattina, vi abbiamo parlato della notizia fatta trapelare dal giornale tedesco Bild, secondo il quale, la stagione europea prevede solo tre tappe, con la cancellazione del GP di Monza. "Ovviamente sarà un sacrificio per noi". Cerchiamo la quadra del cerchio, mancheranno di certo parecchie entrate provenienti proprio dai proventi del pubblico. "E comunque il problema c'e' ". E la notizia è arrivata direttamente dalla voce di Angelo Sticchi Damiani.

I media tedeschi nelle ultime ore hanno rilanciato quello che potrebbe essere il calendario della Formula 1 escludendo il GP di Monza.

Monza fuori dal calendario 2020? Bahrain e Vietnam si piazzerebbero tra novembre e dicembre, poco prima del gran finale previsto per il 13 dicembre ad Abu Dhabi.

Una esclusione che non ha nessun fondamento per il presidente dell'Aci Sticchi Damiani "Posso escludere la fondatezza - ha detto all'ANSA - già ieri Chase Carey ha detto espressamente che il campionato comincerà in Austria il 3 luglio e continuerà in Europa fino a Monza". "No, i circuiti hanno una direzione, con tutte le barriere e le strutture progettate per funzionare in quella specifica direzione".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE