Coronavirus, il 100% pazienti guariti sviluppa gli anticorpi contro il virus

Barsaba Taglieri
Aprile 30, 2020

Stando a uno studio cinese apparso su 'Nature Medicine', il 100% delle persone guarite dal Covid-19 sviluppa gli anticorpi che proteggono da una nuova infezione.

È una ricerca che si basa solo su 285 casi esaminati, ma i risultati sono promettenti: tutti i pazienti presi in esame, dopo essersi ammalati di Coronavirus, hanno sviluppato gli anticorpi IgG.

Roma - "I pazienti guariti da Covid 19 producono anticorpi contro il virus". Gli autori, si legge ancora nello studio, segnalano "risposte anticorpali acute a Sars-CoV-2 in 285 pazienti con Covid-19", su 285 arruolati. "Questo è bene -continua Burioni - perché rende affidabile la diagnosi sierologica e, se gli anticorpi fossero proteggenti, promette bene per l'immunità".

Importanti novità giungono dal canale ufficiale Twitter di Roberto Burioni, tra i più affermati virologi italiani. La produzione di IgG - in chi ha un sistema immunitario normale - è sufficiente a prevenire una nuova infezione.

Gli scienziati sono tutti d'accorso: questa è un'ottima notizia che diffonde positività nelle prospettive di contenimento e sconfitta dal coronavirus. Entro i 19 giorni dall'esordio dei sintomi il 100% dei pazienti è risultato positivo all'immunoglobulina G (IgG) antivirale. La produzione di anticorpi IgG avviene quando il nostro organismo è stato infettato la prima volta o quando è esposto ad antigeni estranei. Molto positiva anche l'opinione di un altro luminare Guido Silvestri che dalla Emory di Atlanta l'ha definita una "megapillola di ottimismo", la notizia più bella da quando è scoppiata la pandemia. "Non possiamo sapere quanto dura questa risposta - conclude Silvestri - ma i precedenti con virus simili suggeriscono che dovrebbe durare almeno 12-24 mesi". In un comunicato stampa del NIH sono stati descritti i risultati preliminari dello studio clinico controllato "Adaptive Covid-19 Treatment Trial", or Actt, che ha coinvolto 1.090 pazienti, e rappresenta il primo studio randomizzato e di larga scala per questo trattamento.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE