Coronavirus, Sileri: "Anche amicizia è affetto stabile"

Rufina Vignone
Aprile 29, 2020

Lo dice il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, a 'Un giorno da pecora', su Radio 2. "Andare anche a casa di un amico dal 4 maggio?". Ovviamente è necessario il buonsenso perché questo è un periodo di transizione. Sileri, a stretto giro, interpellato sulla possibilità che i contagi aumentino dopo l'allentamento del lockdown, aggiunge: "Lo vedremo tra un paio di settimane, ma è molto probabile".

"Il metro va bene, ma se è di più è meglio, questo se non hai la mascherina". Quindi si, l'amico è un congiunto se è un amico vero, se non è una scusa. Le proteste per questa scelta avrebbero però convinto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ad ampliare la rosa delle persone che si possono incontrare ai fidanzati e agli "affetti stabili". I prossimi giorni saranno decisivi, con la curva dei contagi e il parere definitivo degli esperti che tracceranno la strada per capire se l'attuale stagione di Serie A potrà essere conclusa, come previsto, entro i primi di agosto. Posizione che ha generato proteste ancor più forti e ironie sul web. Quanto viene certificato sul modulo di autocertificazione dai cittadini può essere infatti oggetto della sanzione e anche di una denuncia per falso, dunque è indispensabile venga chiarito esattamente che cosa si intende per "congiunti".

Ora è arrivata l'ulteriore precisazione di Sileri.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE