Pdf pirata di giornali e libri su Telegram, sequestri

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 28, 2020

Si complica la vita per gli scrocconi di quotidiani e riviste, aumentati con l'emergenza Coronavirus, dopo l'ultimo sequestro di almeno 11 canali Telegram da parte della Guardia di Finanza su mandato della procura di Bari, che indaga per riciclaggio, ricettazione, accesso abusivo a un sistema informatico o telematico, furto e violazione della legge sul diritto di autore.

"La Guardia di finanza ha portato a termine l'operazione "#cheguaio!" contro la diffusione abusiva in chiaro di migliaia di riviste, rassegne stampa, giornali e libri.

Allo stato non è noto quante siano le persone che hanno scaricato ed utilizzano Telegram sul proprio smartphone in Italia: l'app creata dai fratelli russi Nikolaj e Pavel Durov nel 2013 ha sottolineato che sono 400 milioni di utenti attivi al mese nel mondo.

Il contesto giudiziario scaturisce dalla denuncia della Federazione Italiana Editori Giornali presentata il 10 aprile scorso all'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. "Le indagini - aggiunge la Procura di Bari - proseguono per ricostruire l'illecito giro di affari e individuare gli autori del reato nonché le responsabilità penali delle società coinvolte".

I responsabili, in corso di identificazione, si sarebbero introdotti nei sistemi informatici di numerose società editrici sottraendo migliaia di file in formato PDF e riversandoli illecitamente su Telegram.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE