Formula 1: ecco quando partirà la stagione nel 2020

Rufina Vignone
Aprile 28, 2020

Intanto, i Gran Premi saltati arrivano a dieci, con quello di Francia, in programma sul circuito di Le Castellet il prossimo 28 giugno. "Anche se questa mattina è stato annunciato l'annullamento del GP di Francia, siamo sempre più fiduciosi sull'andamento dei nostri piani per iniziare la stagione quest'estate", ha iniziato Carey.

Il CEO della Formula 1, Chase Carey, ha rilasciato un comunicato sulla stagione 2020. "Ci aspettiamo che le prime gare vengano svolte senza tifosi, ma speriamo che questi facciano parte dei nostri eventi man mano che ci addentreremo nel campionato e nella stagione". "Stiamo puntando a un inizio delle gare in Europa da luglio, agosto e inizio settembre, con la prima gara che si svolgerà in Austria nel week end del 3-5 luglio". Settembre, ottobre e novembre ci vedrebbero correre in Eurasia, in Asia e nelle Americhe, concludendo la stagione nel Golfo a dicembre con il Bahrain prima del tradizionale finale ad Abu Dhabi, dopo aver completato tra le 15 e le 18 gare.

"Pubblicheremo il nuovo calendario il prima possibile". Stiamo lavorando alle varie procedure per consentire ai team e agli altri partners di poter entrare e lavorare in ogni Paese coinvolto. "La salute e la sicurezza di tutti i soggetti coinvolti continueranno ad essere prioritari e andremo avanti solo se siamo certi di disporre di procedure affidabili per affrontare sia i rischi che i possibili problemi". Vogliamo anche riconoscere il fatto che le squadre ci hanno sostenuto e allo stesso tempo hanno concentrato enormi ed eroici sforzi per costruire ventilatori per aiutare le persone infette da COVID-19. "In queste settimane abbiamo lavorato duramente con la FIA e i team per rafforzare il futuro a lungo termine della F1 con una serie di nuovi regolamenti tecnici, sportivi e finanziari che miglioreranno la competizione e l'azione in pista".

Carey ha parlato con tutte e 10 le squadre, così come con la FIA al fine di salvaguardare lo sport in vista di una crisi economica scatenata dalla pandemia di COVID-19. "Non vediamo l'ora di fare la nostra parte consentendo ai nostri fan di condividere ancora una volta in sicurezza l'entusiasmo della Formula 1 con la famiglia e gli amici". aggiunge Carey per concludere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE