Coronavirus, il bollettino delle 18: forte decremento dei positivi, ancora tanti decessi

Bruno Cirelli
Aprile 28, 2020

Non sono altrettanto buone le notizie sul fronte vittime: +382 rispetto a ieri, portando il totale a 27.359. L'aumento ieri era stato di 1.739. I casi totali (compresi decessi e guarigioni) salgono a 201.505, 2.091 in più registrati nelle ultime 24 ore.

Aumentano le persone in isolamento domiciliare: sono 83.619 (pari al 79% degli attualmente positivi) mentre ieri erano 83.504. Sono complessivamente 105.205, 608 meno di ieri. I tamponi effettuati finora sono 1.274.871, con un aumento di 37.554 unità rispetto a ieri. Le persone ricoverate con sintomi sono 19.723, con un decremento di 630 pazienti rispetto a ieri.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 35.166 in Lombardia, 15.519 in Piemonte, 12.341 in Emilia Romagna, 9.138 in Veneto, 6.069 in Toscana, 3.480 in Liguria, 4.573 nel Lazio, 3.308 nelle Marche, 2.924 in Campania, 2.937 in Puglia, 1.682 nella Provincia autonoma di Trento, 2.107 in Sicilia, 1.248 in Friuli Venezia Giulia, 2.068 in Abruzzo, 994 nella Provincia autonoma di Bolzano, 296 in Umbria, 783 in Sardegna, 254 in Valle d'Aosta, 797 in Calabria, 219 in Basilicata e 200 in Molise.

"Avrei tanta voglia di parlare dalla trincea in cui da 40 giorni mi trovo con il dottor Borrelli e i nostri collaboratori, di parlare dei liberisti che emettono sentenze quotidiane da un divano con un cocktail in mano". Lo ha detto il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile, polemizzando con chi "dice che il prezzo delle mascherine lo fa il mercato, sorseggiando i loro centrifugati".

"Il governo sta valutando se definire di nuovo delle zone rosse per evitare l'estensione di nuovi focolai di infezione, che riprendono a manifestarsi - ha aggiunto -".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE