Il premier Giuseppe Conte: "Ecco la fase due". Cosa si può fare

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 27, 2020

Per quanto riguarda l'attività sportiva allenteremo ancora un pò le restrizioni. Sì alle visite a parenti e allo sport.

Per il 18 maggio è in programma la riapertura del commercio al dettaglio. Ecco cosa cambia nel dettaglio. Il premier Conte in conferenza stampa ha annunciato il nuovo dpcm che entrerà in vigore il prossimo 4 maggio e verrà aggiornato settimanalmente in base al contagio R0 e alla disponibilità dei posti in ospedale. Riapriranno le imprese manifatturiere e tutte quelle che vi ruotano attorno, cantieri e commercio all'ingrosso.

Consentita l'attività sportiva anche distanti da casa.

I commercianti torinesi contro la strategia per la Fase 2 annunciata ieri dal presidente del consiglio, Giuseppe Conte: "Incredulità, sconcerto ed amarezza".

Abbiamo predisposto meccanismo elaborato in cui le regioni con cui collaborazione dovrà essere integrata dovranno informarci sull'andamento della curva epidemiologia e situazione di adeguatezza del sistema sanitario regionale.

Parchi e ville - "Consentiamo l'accesso a parchi ville e giardini pubblici con il rispetto del distanziamento e misure di contingentamento: i sindaci potranno chiuderli nel caso non si possano rispettare queste misure". Tra queste una ordinanza del commissario per l'emergenza con cui saranno calmierati i prezzi delle mascherine (intorno a 0,50 per mascherina chirurgica).

"Ci avviamo ad allentare il lockdown per il 4 maggio - spiega il premier - ma vogliamo mantenere la situazione sotto controllo".

Archiviato dunque il capitolo scuola e quasi del tetto la fase di isolamento, cosa potranno o dovranno fare i più piccoli? Fase 2 importante mantenere distanze di sicurezza. Sono vietati party e feste private. Gli scienziati ci dicono che almeno 1 contagiato su 4 e nelle relazioni familiari. Tutto, naturalmente, dipende dai protocolli di sicurezza sul luogo di lavoro. Chi presenta difficoltà respiratorie e febbre superiore a 37°C è obbligatorio stare a casa. Potranno riaprire nei locali dal 1 giugno così come le attività di cura della persona: parrucchieri e centri estetici, ad esempio. Il Governo è al lavoro su una programmazione per la riapertura delle stazioni balneari.

Cerimonie funebri. Il decreto prevede la possibilità di organizzare cerimonie funebri per commemorare i propri defunti, ma con la partecipazione di un massimo di 15 congiunti, all'aperto, con mascherine e distanze di sicurezza. Anche gli atleti potranno tornare ad allenarsi, da soli a porte chiuse. "Una nuova pandemia creerebbe, a parte la tristezza di nuovi morti, anche danni irreversibili per la nostra economia". Alcuni attendono ancora: ci sono ritardi, mi scuso.

La scelta - secondo diverse fonti - è motivata dal timore che gli italiani percepiscano l'allentamento delle misure come il "ritorno alla vita di prima", uno stato d'animo che potrebbe ripercuotersi drammaticamente sulla curva dei contagi. Nel filmato si vede infatti il premier con la mano sinistra spesso nascosta nella tasca della giacca.

E laddove, non solo con le mascherine, si è stati troppo troppo vaghi, saranno regioni e comuni a colmare i vuoti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE