Warner Bros. utilizzerà una IA per le decisioni di produzione dei film

Ausiliatrice Cristiano
Gennaio 11, 2020

"L'intelligenza artificiale sembra spaventosa". Secondo Hollywood Reporter, Warner Bros si servirà di algoritmi per stabilire quali progetti avranno il via libera, anche se in realtà, a The Verge, una fonte interna all'azienda ha spiegato che gli strumenti di Cinelytic saranno utilizzati solamente per le decisioni relative al marketing e al processo di distribuzione.

Warner Bros. è diventato l'ultimo studio ad abbracciare pubblicamente l'intelligenza artificiale. Il The Hollywood Reporter ha diffuso la notizia che la casa di produzione ha stipulato un accordo con la Cinelytic per utilizzare un sistema d'intelligenza artificiale che la supporterà nello scegliere i film su cui puntare. Ciò per cui è utile è l'individuazione di un grande numero di dati che gli esseri umani non riuscirebbero a individuare.

Cinelytic è solo una delle molte startup che sfruttano AI e machine learning per cercare di predire il successo di un film, ma il mondo cinematografico ha mostrato e continua a mostrare scetticismo nelle loro capacità. La causa è da ricercare nel machine learning: se l'algoritmo è allenato attraverso l'utilizzo di dati storici, il rischio è che le analisi e i conseguenti schemi si focalizzino troppo sui film di successo del passato, senza considerare ciò che potrebbe realmente interessare agli amanti del cinema del futuro.

Il software di Cinelytic offre ai clienti un modo piuttosto "giocoso" per operare: gli utenti possono modellare un pitch, decidere il genere del film, il budget, gli attori e via dicendo e quindi vedere cosa succede quando modificano poi i singoli elementi. Ad esempio, per uno specifico ruolo: meglio Scarlett Johansson o Natalie Portman? "Ma in questo momento, un'intelligenza artificiale non può prendere alcuna decisione creativa", afferma Queisser della società di gestione dati.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE