La difesa dei nostri militari è la priorità assoluta

Bruno Cirelli
Gennaio 9, 2020

Bari, 8 Gen. - "In merito all'attacco avvenuto nella notte contro la Base statunitense di Erbil si conferma che nessun militare italiano e' rimasto coinvolto e i mezzi e le infrastrutture in uso al contingente militare italiano non hanno subito danni".

Il quartier generale della Coalizione internazionale, che opera in Iraq, "al momento sta pianificando una parziale ridislocazione degli assetti al di fuori di Baghdad". Non rappresentano un'interruzione della missione e degli impegni presi con la coalizione ma sono solo dipendenti dalle misure di sicurezza adottate. Lo scrive stamani il quotidiano La Stampa, secondo cui il trasferimento dal compound "Union 3" ha riguardato tutti gli uomini italiani impegnati nell'operazione di addestramento delle forze di sicurezza irachene - un cinquantina di carabinieri - ed è stato deciso dallo Stato maggiore della Difesa in accordo con i vertici della Nato. "Ogni possibile soluzione sarà affrontata insieme alla coalizione, con un approccio flessibile, anche per non vanificare gli sforzi fino ad ora profusi".

Intanto dopo l'attacco di stanotte la situazione resta sempre sul filo del rasoio: non bisogna dimenticare che a novembre c'era stato già un attacco con il grave ferimento di 5 militari italiani a Kirkuk.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE