Messa di Natale, il Papa: "Dio arriva gratis e ama ogni uomo"

Bruno Cirelli
Dicembre 26, 2019

In Gesù Dio si è fatto Bambino, per lasciarsi abbracciare da noi. Il suo amore non è negoziabile: "non abbiamo fatto nulla per meritarlo e non potremo mai ricompensarlo".

Il giorno di Natale, alle 12, dalla loggia centrale della Basilica, Papa Francesco rivolgerà il tradizionale Messaggio natalizio ai fedeli presenti in piazza San Pietro e a quanti lo ascolteranno attraverso la radio e la televisione e al termine, impartirà la benedizione apostolica "Urbi et Orbi". Ne è convinto il Papa, che nell'omelia della messa della notte di Natale ne ha riassunto così il messaggio: "A me, a te, a ciascuno di noi oggi dice: 'Ti amo e ti amerò sempre, sei prezioso ai miei occhi'". "Dio non ti ama perché pensi giusto e ti comporti bene; ti ama e basta. Puoi avere idee sbagliate, puoi averne combinate di tutti i colori, ma il Signore non rinuncia a volerti bene", prosegue Francesco. Ecco il dono che troviamo a Natale: scopriamo con stupore che il Signore è tutta la gratuità possibile, tutta la tenerezza possibile. "Nasce povero di tutto, per conquistarci con la ricchezza del suo amore". "Mi abbandono al suo amore che viene a salvarmi?".

E dunque cosa fare "di fronte a questa grazia?"

Nel giorno della festa di san Silvestro, il 31 dicembre, infine, il Pontefice presiederà alle 17, nella Basilica di san Pietro, la celebrazione dei primi Vespri della solennità di Maria Santissima Madre di Dio. "Il dono che è Gesù" si accoglie "per poi diventare dono come Gesù". È una delle preghiere più antiche della storia della Chiesa e riflette tutta l'umile richiesta della misericordia divina che possa scendere sul cuore dilaniato e sofferente dell'uomo; non solo, con la Benedizione Urbi et Orbi concede a tutti i fedeli la possibilità - e la libertà sostanziale - nella remissione di tutti i peccati e i drammi dovuti ad essi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE