Simona Ventura a La Confessione: le rivelazioni su Corona

Ausiliatrice Cristiano
Dicembre 22, 2019

Il pubblico di Simona Ventura la ama e la supporta da decenni e la conduttrice - intervistata da Peter Gomez a La Confessione - ha provato a spiegarne i motivi. In quel periodo era assediata dai paparazzi dell'agenzia di Corona fino a quando il pm di Potenza, Henry John Woodcock, non l'ha convocata. Una situazione a cui lei non era abituata e un ambiente da cui era scioccata, ha raccontato. Posso capire che i soldi che arrivavano erano talmente tanti e facili da dare alla testa. Simona ha parlato del suo privato, delle scelte professionali e del perchè ad un certo punto della sua carriera ha deciso di lasciare la Rai e passare a Sky, una decisione dovuta che fu molto sofferta. "La sua foga l'ha fatto sbagliare".

A seguire l'ex leader dell'Udc Pierferdinando Casini ripercorrerà la sua lunga carriera politica, dagli esordi nella Democrazia Cristiana con Arnaldo Forlani, passando per il rapporto, prima di alleanza e poi di rottura, con Silvio Berlusconi, fino alla candidatura con il Pd alle ultime elezioni politiche che gli sono valse un seggio da senatore, nonché i temi etici come il testamento biologico e i diritti delle coppie omosessuali. Mi sembra tanto - ha concluso riguardo Corona -, ma lui non riesce a frenare, non capisce qual è il limite che non deve attraversare. "Lui, con questo fatto di essere invincibile, si è schiantato all'ultimo miglio". Ti ho imputato tante cose, e tu a me. Non provo vendetta, non provo rancore. Eri un ragazzo meraviglioso e intelligente, ci sono cose belle che hai fatto.

La Ventura ha anche ricordato come da bambina il suo idolo fosse Raffaella Carrà: "Ballavo come lei, come tutte le ragazzine". Mediaset mi aveva dato la liberatoria. "Mi aspettavo un'accoglienza diversa, un altro tipo di carattere. Ma non tutti siamo uguali, alla fine va bene così". "Con la nuova trasmissione su Rai3, ho visto che ha saputo reinventarsi".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE