Le cento donne top al mondo C'è anche Piera Aiello

Bruno Cirelli
Ottobre 17, 2019

Non mancano la giovanissima animatrice del movimento globale contro i cambiamenti climatici Greta Thunberg, la malaysiana Nisha Ayub, militante per i diritti transgender, l'atleta iraniana Kimia Alizadeh, prima medaglia olimpica al femminile del suo Paese, ma anche la calciatrice americana anti-Trump Megan Rapinoe, l'attivista russa anti-Putin Liubov Sobol, le parlamentari di Usa e Brasile Alexandria Ocasio-Cortes e Tabata Amaral. La testimone di giustizia inserita nell'elenco del colosso televisivo britannico si dice "onorata di essere stata scelta tra le donne che hanno fatto la differenza nel mondo". Al punto che oggi Piera Aiello è indagata per falso in atto pubblico alla procura di Sciacca, in attesa che il 24 ottobre il gip decida o meno sul rinvio a giudizio della neo influencer Bbc.

È la prima Parlamentare nella storia della Repubblica Italiana con lo status di testimone di giustizia. Il suo nome appare tra le 100 donne che con la loro vita hanno saputo ispirare altre donne. Ad agosto la Prefettura di Trapani ha cancellato dall'albo antiracket l'associazione presieduta per due anni da Piera Aiello, con la formidabile motivazione che "non risulta aver perseguito gli scopi principali di prestare assistenza e solidarietà alle vittime e ai soggetti danneggiati da attività estorsive ed usuraie, né di aver messo in atto attività di supporto alle vittime né di aver fornito collaborazione continuativa alle forze di polizia". "Se penso alle persone che hanno pagato con la vita la loro battaglia contro Cosa Nostra allora mi resta l'amaro in bocca.".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE