Il Vaticano lancia il rosario digitale

Bruno Cirelli
Ottobre 17, 2019

Nelle intenzioni della Rete Mondiale di Preghiera del Papa Click to Pray eRosary non è un gadget per fedeli esperti, ma un dispositivo pensato per "insegnare ai giovani a pregare il rosario" e per "raggiungere le frontiere periferiche del mondo digitale dove i giovani si incontrano". Nel cuore del Mese Missionario Straordinario, istituito da Papa Francesco, la Rete Mondiale di Preghiera del Papa ha appena lanciato Click To Pray eRosary, un rosario che ha un chiaro obiettivo: pregare per la pace nel mondo.

eRosary si attiva facendo il segno della croce (ok, questo è figo) e si collega quindi allo smartphone. Fisicamente, il dispositivo è costituito da dieci grani del rosario consecutivi, realizzati con ematite e agata nera, e da una croce intelligente che memorizza tutti i dati tecnologici connessi all'applicazione.

Per chi volesse provare l'applicazione, ricordiamo che Click To Pray eRosary è disponibile gratuitamente sul Play Store di Google e che può essere scaricata semplicemente tappando il badge qui sotto. È associato con l'app che ha lo stesso nome e il cui utilizzo sincronizzato consente l'accesso ad un'audioguida, ad alcune immagini esclusive e a contenuti personalizzati sulla preghiera del Rosario. Dallo smartphone è possibile settare il percorso di preghiera che si preferisce, e la scelta è ampia: c'è il classico rosario, ci sono percorsi dedicati ad un tema in particolare o ad un momento liturgico specifico, e in generale l'app verrà aggiornata frequentemente per aggiungere nuove tipologie di rosario. Una volta che l'utente inizia a pregare, il rosario intelligente mostra la sua progressione mentre avanza sui diversi misteri e tiene traccia di ogni rosario pregato. Il dispositivo ha una stazione di ricarica wireless, la batteria prevede 2.5 ore di ricarica per 4 giorni di utilizzo.

'Click to Pray eRosary' è resistente all'acqua e alla polvere, presenta una croce in stile moderno con CPU e 10 perle, con 6 sensori giroscopici ad asse per il controllo gestuale. L'applicazione di riferimento è compatibile con i sistemi operativi iOS e Android e supporta tre lingue, italiano, spagnolo ed inglese.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE