De Laurentiis: 'Mertens? Vada in Cina'

Rufina Vignone
Ottobre 17, 2019

Aurelio De Laurentiis non le ha mandate a dire ai suoi giocatori. Il presidente del Napoli oggi si è concesso ai microfoni dei cronisti non ha risparmiato critiche molto pesanti a Lorenzo Insigne: "Io lascio vivere". Ha sempre avuto un atteggiamento di scomodità a Napoli. Fu proprio l'allenatore spagnolo infatti a a convincere l'allora giovane attaccante del Real Madrid ad accettare di iniziare una nuova fase della sua carriera al Napoli e a ritagliargli fin da subito un ruolo da protagonista all'ombra del Vesuvio. Ma è un problema suo, non glielo può risolvere né Raiola né Ancelotti. "Tribuna? Un'altra stupidaggine da risolvere".

Il discorso, poi, si sposta sul capitolo, con Mertens e Callejon tentati dalle sirene cinesi: in primo piano "Assolutamente non sono disposto a uno sforzo importante - puntualizza De Laurentiis -". Se uno vuole fare le marchette in Cina per vivere due o tre anni di merda questo è un problema suo nel quale non posso entrare. "Se considerano i soldi un fine andassero in Cina, io non posso considerare la Cina una concorrente". Poi sull'olandese a Radio Kiss Kiss: "Mi ha dato la soddisfazione e l'impressione di essere un uomo intelligente". Quando parli con lui non ti annoi e non pensi mai ad altro, lo ascolti attentamente. E' in gamba. Bisogna capire cosa vorrà fare, io lo rispetto moltissimo. La strada è lunga, chi resta lo deve fare perché è convinto di amare questa bandiera. "E' una grande responsabilità come una bellissima donna che non puoi tradire".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE