Turchia, Sukur vs Erdogan: "Lotto per la libertà, non importa cosa perdo"

Rufina Vignone
Ottobre 15, 2019

Nel mezzo delle proteste internazionali per l'azione politica della Turchia, l'ex nerazzurro Hakan Sukur ha preso nuovamente parola attraverso il web, in perfetto italiano, per sottolineare la propria contrarietà rispetto alle decisioni di Erdogan. "La mia é una lotta per la giustizia, per la democrazia, per la libertà e per la dignità umana". Dopo essere stato eletto in Parlamento alla fine della sua carriera, nel 2013 Sukur è stato costretto a dimettersi in seguito a un'inchiesta che ha riguardato Erdogan e tre anni più tardi è stato spiccato nei suoi confronti un ordine di arresto perché ritenuto vicino a un gruppo terroristico a seguito del tentato golpe del 16 luglio.

Hakan Sukur ribadisce la sua opposizione al regime di Erdogan, nelle ore in cui è montata la polemica sui calciatori della nazionale turca che dopo un gol all'Albania hanno esultato col saluto militare. Non mi importa di quello che posso perdere se a vincere è l'umanità", ha ribadito su Twitter l'ex giocatore dell'Inter raccogliendo grandi consensi e solidarietà per la sua difficile posizione.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE