Spotify potrebbe bloccare chi condivide l'abbonamento Premium Family con gli amici

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 19, 2019

Come si legge nei termini e nelle condizioni generali della piattaforma (che potrete consultare a questo indirizzo), l'azienda svedese ha introdotto nuovamente la possibilità di verifica della posizione, che verrà monitorata di volta in volta.

Il piano famiglia Spotify è estremamente popolare tra gli utenti del servizio di streaming musicale perchè offre alle famiglie fino a sei account, con un unico piano per un prezzo complessivo di 14,99 dollari al mese, come il piano equivalente di Apple Music. Il punto però non cambia: da una parte in effetti il problema dell'abuso dei piani famigliari è comune a tutti i servizi di streaming musicale e in linea teorica è più che legittimo volerlo risolvere; d'altro canto con questa strategia Spotify punisce una categoria di utenti ben precisa, oltre a quelli che utilizzano il piano Family illecitamente: le famiglie vere e proprie i cui membri non abitano più sotto lo stesso tetto - con figli già adulti o genitori separati. D'ora in poi, il gruppo verificherà l'idoneità dei 5 membri di un abbonamento premium per famiglie chiedendo il loro indirizzo di residenza.

Da ieri, Spotify ha cominciato a mandare delle e-mail ai suoi utenti che hanno attivo un piano "Premium Family". Per aiutarti a localizzare il tuo indirizzo su una mappa, Spotify farà affidamento sulla ricerca degli indirizzi di Google Maps. Che stia per arrivare una stangata per i "furbetti" che condividono il piano Famiglia con amici e conoscenti?

Il requisito di Spotify per i membri del piano familiare di fornire dati sulla posizione è apparentemente ripreso e la sua aggiunta ai termini e condizioni aggiornati suggerisce che questo è ora permanente.

Un portavoce della compagnia ha già confermato che il sistema non terrà traccia dei dati sulla posizione degli utenti e che non verrà attivata nessuna procedura di verifica della posizione. Un quarto di questi utenti condividerebbe il proprio abbonamento con altri in contrasto con i termini e le condizioni di Spotify.

Per i gruppi di persone che non risiedono allo stesso indirizzo è quindi diventato piu' difficile condividere un piano famiglia di Spotify, in quanto la società puo' effettuare dei controlli - mediante geolocalizzazione con il GPS dello smartphone - tra i clienti che usufruiscono del piano Famiglia per verificare se effettivamente risiedono presso l'indirizzo indicato in fase di adesione al piano.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE