Moto2, Di Giannantonio 2°, ma Fernandez (1°) è sotto investigazione

Rufina Vignone
Settembre 19, 2019

Su questo non ho niente da dire.

Il duello appassionante si è concluso con l'alfiere Flexbox HP 40 sul gradino più alto del podio, mentre il pilota +Ego Speed Up si è dovuto accontentare della seconda posizione, con la speranza di poter conquistare quei cinque punti in più che gli sarebbero valsi la prima vittoria.

"Posso dire solo grazie ai ragazzi della squadra e a tutta la gente che è venuta a sostenermi qui, perché è stato veramente un gran weekend".

Trasportato fuori dal circuito di Misano Adriatico in barella e subito ricoverato al centro medico, è stato sottoposto ad una lastra e ad una risonanza magnetica, che oltre ad una forte contusione al coccige hanno riscontrato una piccola incrinatura alla dodicesima vertebra toracica.

Successivamente, ha spiegato ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD i motivi che hanno portato alla decisione dei commissari: "Lui è andato tre volte sul verde come me ed entrambi abbiamo ricevuto un 'track limits warning'". Questa è la prima cosa che ci hanno detto. Potrebbe anche non aver guadagnato, ma non esiste che mantenga il distacco e la velocità che aveva. La tappa di Aragon sarà decisiva per confermare, o meno, il trend delle ultime uscite, prima della trasferta asiatica che proporrà quattro Gran Premi con il trittico Giappone-Australia-Malesia senza soluzione di continuità. Io però penso che da leader della gara avessi il diritto di decidere come fare quella curva. "Forse lo hanno fatto anche per le televisioni".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE