Inter, Conte spavaldo: "Neanche il Barcellona sarà felice di affrontarci"

Rufina Vignone
Settembre 19, 2019

Sicuramente quando non fai gol e non sigilli il risultato stai sempre con l'ansia che una ripartenza possa beffarti. Conte di pazza Inter, dopo averne soppresso anche l'inno, invece non ne vuole più sentir parlare e ad Appiano Gentile l'ha chiarito una volta per tutte ai suoi giocatori, anche perché non ha intenzione di risentire i "sapientoni" che lo bollano come allenatore non adatto alla Champions. Prendere gol in 10 contro 11 a livello psicologico sarebbe stato negativo.

" Dobbiamo lottare, nessuno ci ha regalato niente. Siamo contenti dev'incitamento dei tifosi, dobbiamo essere bravi a mantenere questo entusiasmo".

Sulle tante gare ogni tre giorni: "Avremo solo un allenamento per preparare la partita di martedì, domani è già antivigilia". Ci pensa il centrocampista sardo a mettere le cose parzialmente a posto, e a far guadagnare il primo punto alla Beneamata. Fissare obiettivi è difficile, vedremo strada facendo che cosa succederà. "Siamo riusciti a lavorare anche su un altro sistema di gioco e oggi l'abbiamo attuato".

Cosa non è piaciuto dell'Inter? "È difficile dirlo, quello che non mi è piaciuto è che sapevamo che era una partita difficile, l'Udinese è una squadra molto fisica. Sono contento del gol, ma devo cercare di fare meglio". Rispetto a 12 mesi fa, però, la caratura dell'avversario è decisamente diversa con l'Inter ampiamente favorita per ottenere i tre punti contro lo Slavia Praga, qualificatosi in seguito ai preliminare, necessari per affrontare con maggiore serenità le altre due big presenti nel girone.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE