Greta, la bimba sul palco di Pontida, non è di Bibbiano

Ausiliatrice Cristiano
Settembre 19, 2019

Certamente no per chi è agganciato alla realtà e non all'ideologia, ma nel frattempo che meravigliosa occasione per la sinistra salonniere di cui Lerner è un esponente, per potere additare il Mostro, i mostri, il "pericolo scampato", come ha dichiarato stentorea, la senatrice Segre.

Anche quest'anno, come da tradizione, sul pratone di Pontida è avvenuto il grande incontro del popolo leghista. Si era limitato a dire: "Greta e' questa splendida ragazza dai capelli rossi che dopo un anno e' stata restituita alla mamma".

Lucarelli, quindi, torna all'attacco: "La mamma della bimba di Pontida è stata avvicinata durante una manifestazione su bambini strappati e affidamenti da persone della Lega sotto palazzo Chigi". E, dopotutto, lo stesso Salvini su facebook aveva sposato la linea dell'ambiguità: "Ringrazio questa mamma e questa bimba che hanno avuto coraggio: è una delle tante, troppe bambine portate via alla mamma e al papà, a Bibbiano e in altri comuni italiani". Una vittima di Bibbiano. "La politica senza cuore e senza passione è solo uno scambio di merce e di poltrone, e qua non ci sono poltronari, ma solo donne e uomini con dei valori".

"La bambina salita sul palco di Pontida è figlia di genitori di un'associazione che ci ha chiesto di salire sul palco e portare la loro testimonianza". C'è anche Greta, una delle bambine dell'inchiesta sugli affidi illeciti di Bibbiano tra i piccoli che Salvini ha chiamato sul palco prima di chiudere il suo intervento a Pontida.

Dopo un primo confronto tra le parti in tribunale, la palla passa al servizio sociale territoriale per gli approfondimenti, servizio che raduna 19 comuni della zona. "Che gente siete voi della Lega per usare bambini su un palco? La sua presenza a Pontida ha suscitato dei malumori ma Salvini non ha nessuna responsabilità" - chiosa Sgarbi - "Il modo migliore per prendere le distanze da Lerner sarebbe stato ignorarlo, purtroppo i partecipanti di Pontida non sono stati in grado di farlo". E pur vero che forse un'alleanza alle votazioni tra Forza Italia, Fratelli d'Italia e la stessa Lega, avrebbe sposato un'organizzazione di vertice non omogenea visto le distanze di pensiero di carattere: europeistico, nazionalistico e autonomistico. Lui si difende dicendo: nessuno ha parlato di Bibbiano, ma il contesto faceva presumere ciò.

Da parte sua Salvini, nella trasmissione 'Aria Pulita' su 7gold, ha così replicato a chi lo ha accusato di aver strumentalizzato i bambini di Bibbiano: "Chi se ne frega. Spero che Matteo Salvini, per quel che resta della sua reputazione, possa smentire".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE