Disastro nucleare di Fukushima, assolti 3 ex dirigenti della Tepco

Bruno Cirelli
Settembre 19, 2019

I vertici di Tepco (Tokyo Electric Power Company Holdings) sono stati giudicati non responsabili della mancata prevenzione delle strutture della centrale nucleare di Fukushima dopo il disastro dell'11 marzo 2011.

Ad essere coinvolti nell'indagine erano il presidente della società, Tsunehisa Katsumata, 79 anni, ed i due vicepresidenti Ichiro Takekuro, 73 anni, e Sakae Muto, 69 anni.

Tre ex dirigenti dell'impianto nucleare di Fukushima sono stati assolti dalla Corte distrettuale di Tokyo. Oltre diciottomila e quattrocento persone persero la vita quel giorno in Giappone a causa della catastrofe naturale e di quella nucleare mentre le conseguenze di quest'ultima non sono ancora oggi state arginate.

Decine di persone si sono radunate davanti alla corte di Tokyo per protestare contro il verdetto.

È in corso un intenso programma di bonifica di Fukushima per decontaminare le aree colpite e dismettere l'impianto, che secondo la stima della gestione dell'impianto impiegherà circa 30 o 40 anni.

Appena pochi giorni fa, il ministro dell'Ambiente nipponico, ha annunciato il rilascio nell'Oceano di acqua radioattiva, aggiungendo che si tratta dell'unica soluzione possibile.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE