Groenlandia, slitta trainata sull'acqua: la foto è diventata virale

Bruno Cirelli
Giugno 19, 2019

I cani trainano a fatica la slitta di un ricercatore su un'immensa distesa d'acqua, con le zampe immerse per diversi centimetri; è un'immagine surreale, simbolica, che mette in evidenza il drammatico scioglimento dei ghiacci attualmente in corso in Groenlandia. Provate a raccontarlo a Steffen Olsen, il climatologo danese che giovedì scorso (13 giugno) ha scattato in Groenlandia (vicino a Qaanaaq) una foto che sta facendo il giro del mondo.

"Le comunità per lo più indigene residenti in Groenlandia dipendono dal mare di ghiaccio per spostarsi, pescare e cacciare". Una catastrofe climatica che avrà ripercussioni dirette anche sulla fauna e la flora locale, in alcuni casi ipotecandone la sopravvivenza stessa. Eventi di massiccia fusione dei ghiacci come questo non avvengono di solito prima dell'estate inoltrata (fine giugno-luglio), ma quest'anno il Danish Meteorological Institute ha annunciato l'inizio della stagione dello scioglimento all'inizio di maggio. In genere la stagione dello scioglimento dello strato di ghiaccio va da giugno ad agosto, ma quest'anno, a causa di temperature superiori anche di 40 gradi rispetto alla norma, al 13 giugno il 40% della Groenlandia aveva già perso ingenti quantità di ghiaccio, oltre 2 miliardi di tonnellate. Il 2019 si prospetta per queste aree un anno da record, paragonabile ad annate di caldo anomalo quali il 2007, 2010 e 2012.

Se l'immagine dei cani che si divertono a pelo d'acqua può farci simpatia, l'elemento su cui focalizzarci è che lo scioglimento accelerato del ghiaccio polare determinerà nel tempo un innalzamento del livello del mare, con grave rischio per le comunità costiere della Groenlandia.

La foto "ha piu' valore simbolico che scientifico - spiega Ruth Mottram dell'Istituto Metereologico Danese che resta comunque cauta nel collegare la foto agli effetti del riscaldamento globale: "Il ghiaccio qui si forma in modo piuttosto affidabile ogni inverno ed è molto spesso - spiega - il che significa che ci sono relativamente poche fratture attraverso cui il ghiaccio sciolto possa essere drenato". E la perdita di ghiaccio avrà anche un effetto amplificato sulle temperature globali, come risultato dell'aumento di quelle di mari e oceani.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE