"Youtuber" evade imposte per oltre 1 milione: caccia agli influencer

Paterniano Del Favero
Mag 30, 2019

Così succede che a farne le spese sia un famoso streamer toscano, St3pny, alias Stefano Lepri, 24 anni, che si è visto contestare dalla Guardia di Finanza un totale di circa un milione di euro, tra cifre non dichiarate e IVA, in cinque anni.

In 5 anni avrebbe evaso al fisco oltre un milione di euro.

L'attività delle fiamme gialle avrebbe permesso di rilevare come il 23enne, tra il 2013 ed il 2018, abbia "omesso di dichiarare ricavi per oltre 600 mila euro e di versare IVA per oltre 400 mila euro".

L'influencer da diversi anni era presente su internet, dove pubblicava video che parlavano delle sue esperienze, dei suoi viaggi e della sua vita, arrivando ad avere oltre 4 milioni di followers che lo seguivano assiduamente, risultando il secondo in Italia per numero di seguaci, con 1 milione di visualizzazioni al giorno. Oltre ad avere due milioni di follower su Instagram.

Tuttavia, secondo quanto appreso dal sito Fanpage, non scatterà la denuncia: lo youtuber si sarebbe infatti appoggiato a un'agenzia pubblicitaria milanese per ricevere i suoi pagamenti, ma a causa di un buco normativo non è stata aperta una partita IVA.

Per capire il metodo di inquadramento di chi guadagna con YouTube, è necessario focalizzare la fonte di guadagno degli youtubers.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore.

St3pny abita in provincia di Firenze, riporta Repubblica, ed è una star dei videogiochi. "In realtà, però lo youtuber svolgeva attività continuativa professionale, che non è compatibile con i contratti che venivano da lui stipulati". Di conseguenza, si è costretti ad aprire la partita Iva perché l'attività non può rientrare nel lavoro autonomo occasionale. La stessa Agenzia dovrà ora cercare di colmare una lacuna normativa per quanto riguarda gli influencer, che ormai si sono trasformati in veri e propri professionisti del web. Soggetti dunque a tutti gli obblighi fiscale cui è tenuto, ad esempio, un medico o un architetto che eserciti la libera professione.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE