Leonardo: Vinci celebra il suo "Genio" con Mattarella

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 19, 2019

Quest'anno ricorrono i 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, per questo motivo, il capo di stato di Sergio Mattarella si è recato a Vinci.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha preso parte a Vinci (Fi) alle celebrazioni per il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, nato il 15 aprile 1452 ad Anchiano, frazione del comune in provincia di Firenze che diede i natali al genio - "Un grande toscano, un grande italiano, allora protagonista assoluto della scena europea, oggi riferimento insopprimibile nel mondo", ha detto Mattarella.

Per dare dimensione della grandezza dell'artista e scienziato, ha ricordato Mattarella, sono le tante iniziative che si svolgeranno nelle prossime settimane, in Francia, in Gran Bretagna, in Olanda, Polonia e Norvegia a cominciare dal prossimo 2 maggio. Orgoglio provato anche durante la visita al Museo Leonardiano, dove per qualche settimana stazionerà il Paesaggio, simbolo del suo stretto e appassionato legame col territorio. Di qui "l'auspicio che in Italia, nell'intera Europa e negli altri Paesi in cui sarà ricordato Leonardo, si faccia - in ogni circostanza - adeguata applicazione di quel suo 'ostinato rigore'".

Poi il presidente ha proseguito: "I loro talenti meritano di essere sostenuti da un adeguato livello di investimenti in ricerca, che sono investimenti nel nostro stesso avvenire oltre che veri e propri "moltiplicatori di ricchezza" per assicurare alle giovani generazioni un futuro più prospero e più sostenibile". I Padri costituenti posero la promozione della ricerca scientifica tra gli obiettivi della nascente Repubblica: un intendimento fondato sull'unità del sapere - umanistico e scientifico-tecnologico - particolarmente lungimirante e, oggi, più che mai attuale, sull'esempio della lezione di Leonardo.

"Il contributo di Leonardo da Vinci all'Umanesimo è un apporto che si ripropone ogni volta che appare necessario riflettere sulla libertà con la Elle maiuscola e sulla dignità della persona".

Il ricordo di Leonardo e del suo lavoro supportato dal mecenatismo di sovrani e Stati dell'epoca, ha sottolineato Mattarella, richiama "l'importanza del sostegno della cultura da parte delle istituzioni".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE