Juve, Paratici: "L'acquisto di Ronaldo? All'inizio pensavo fosse una barzelletta"

Rufina Vignone
Gennaio 3, 2019

Secondo il quotidiano "La Repubblica", infatti, i bianconeri starebbero sognando il colpo a sensazione per la prossima stagione, un colpo più grande di Cristiano Ronaldo: "Agnelli pensava a Mbappé quando, a settembre, disse: "Dobbiamo metterci nelle condizioni di prendere il prossimo Ronaldo, ma questa volta di prenderlo a 25 anni". Parola di Fabio Paratici, che in conferenza al Globe Soccer di Dubai - dove il portoghese sarà protagonista dei Globe Soccer Awards, evento che sarà possibile seguire in live streaming su SkySport.it e in diretta sul mosaico interattivo di Sky Sport 24 - ha raccontato un aneddoto legato all'arrivo della stella portoghese in Serie A nella scorsa estate. Tutto è avvenuto in maniera molto rapida.

Da qui, il confronto con Agnelli, presidente della Juventus: "Ne parlai con Agnelli, non era facile ma lui rispose subito in maniera positiva sia sotto l'aspetto tecnico, che per le motivazioni del giocatore, che per quello che avrebbe potuto portare al nostro brand". Perché quando guardi il numero 1 lavorare così, tutti si sentono in obbligo di fare lo stesso. Quando l'ho detto a Max Allegri era felicissimo. A quel punto ho iniziato a pensare davvero a lui.

Cristiano Ronaldo e Gigi Buffon si salutano in occasione di Juve-Real di Champions.

Il centrale olandese sicuramente non si muoverà a gennaio dall'Ajax, tutto è rimandato a giugno ma la volontà del ragazzo è chiara: lui vuole la Juventus. Ci siamo preparati, Gigi aveva deciso in un primo momento di concludere la carriera e quando siamo arrivati alla fine del campionato abbiamo confermato Szczesny.

CONTE E ALLEGRI - Il dirigente bianconero poi ha parlato delle differenze tra Conte e Allegri: "Negli ultimi otto anni abbiamo avuto due dei migliori allenatori del mondo come Conte e Allegri". Prima ancora se ne era andato Antonio Conte. Sono due allenatori diversi: Conte è più caratteriale e organizzatore, era perfetto per quel momento. Con lui e Agnelli c'è stata la rinascita del club, ci hanno dato un grande aiuto. "Da loro ho imparato tante cose e devo ringraziarli".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE