La Nato all'Italia: "Mantenete le sanzioni contro la Russia"

Bruno Cirelli
Giugno 6, 2018

"Il dialogo con la Russia non è facile, è esattamente il motivo per cui è così importante".

"Con la Russia dobbiamo mantenere il dialogo politico, ma le sanzioni economiche sono importanti, ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg". Stoltenberg però ha voluto immediatamente comunicare come la linea nei confronti della Russia non cambi, nonostante gli annunci di Conte. Adesso è addirittura la Nato a prendere posizione contro il discorso pronunciato ieri in Senato da Giuseppe Conte, che poi è una specie di sintesi delle varie esternazioni leghiste sulla questione-Russia. "Ci faremo promotori di una revisione del sistema delle sanzioni, a partire da quelle che rischiano di mortificare la società civile russa", aveva detto Conte. Le misure restrittive dell'UE in risposta alla crisi dell'Ucraina sono state adottate nell'estate del 2014 in base all'articolo 215 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea. "Presentarsi oggi nel segno del cambiamento non è retorica o propaganda, ma la necessità di aprirsi a un vento nuovo che soffia da tempo nel paese e che ha portato alle elezioni ad una geografia del consenso politico completamente inedita". Dai programmi elettorali delle due forze al governo del Paese e da quello scritto sul "contratto" tra Lega e M5s, le sanzioni alla Russia dovrebbero essere abolite e si dovrebbe intavolare un discorso di cooperazione che sicuramente porterebbe vantaggi all'economia italiana.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE