Alfano e Minniti concedono la cittadinanza italiana al piccolo Alfie

Barsaba Taglieri
Aprile 24, 2018

"I genitori - si legge sul quotidiano - sono riusciti a ottenere un'ulteriore dilazione per chiarire un aspetto formale della sentenza". In pratica, essendo stato spostato l'orario dell'inizio delle procedure dalle 14, che erano state previste dai giudici, alle 14.30, "ad avviso dei legali che assistono la famiglia" ora "sarebbe necessario un nuovo pronunciamento dello stesso magistrato per fissare un'altra ora non bastando più per l'esecutività della sentenza l'autorità dell'ospedale". Il Ministro degli Esteri Angelino Alfano ha concesso la cittadinanza italiana al piccolo sperando possa essere trasferito in Italia per evitare il triste epilogo. "Commosso per le preghiere e la vasta solidarietà in favore del piccolo Alfie Evans rinnovo il mio appello perché venga ascoltata la sofferenza dei suoi genitori e venga esaudito il loro desiderio di tentare nuove possibilità di trattamento".

Per permettergli, come è scritto in una nota della Farnesina, "che l'essere cittadino italiano permetta, al bambino, l'immediato trasferimento in Italia".

Le operazioni erano di fatto cominciate alle 14, mentre fuori dall'Alder Hey Hospital i manifestanti protestavano e una parte di loro ha cercato addirittura di fare irruzione.

"Alfie continua a respirare da oltre 9 ore dopo il distacco dal ventilatore". I genitori contestano che il piccolo sia in fase terminale e postano immagini e video che mostrano chiari barlumi di coscienza. Secondo le sue dichiarazioni, l'ospedale britannico si sarebbe rifiutato di riceverla: "L'ospedale non mi ha ricevuta". Ero davanti alla sala di rianimazione, i medici facevano avanti e indietro ma nessuno mi ha parlato. "Non si può fare altro". "I genitori devono purtroppo rassegnarsi - ha detto Enoc all'ANSA -. Ora si apre uno spiraglio per accoglierlo in Italia". "La netta sensazione è che i genitori non siano stati accompagnati in questa vicenda".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE