Regione, Consiglio approva legge su contrasto alla 'ndrangheta

Paterniano Del Favero
Aprile 19, 2018

La normativa é il frutto dell'unificazione di due proposte di legge: la prima del presidente della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio, Arturo Bova, e la seconda d'iniziativa della Giunta. Da oggi la 'ndrangheta sapra' ancora di piu' che facciamo sul serio. "Approviamo questa legge, lo dobbiamo ai calabresi, all'intero Paese".

Come ha spiegato lo stesso Bova: "Sono previste misure di sostegno alle vittime di usura, a chi è affetto da ludopatia e ai minori in famiglie di 'ndrangheta, misure cioè che consentiranno l'applicazione di protocolli nazionali importanti come, ad esempio, "Liberi di Scegliere", fortemente voluto dal Presidente del Tribunale dei Minori di Reggio Calabria Roberto Di Bella". Questa non e' una legge ordinaria. "Si tratta di una legge - ha detto Oliverio - che si muove all'interno delle competenze affidate alle Regioni".

"Se questo è il quadro - ha proseguito - ben si comprende l'importanza e la necessità di approntare strumenti legislativi di contrasto adeguato a questa nuova metamorfosi di quello che non e' un mostro mitologico dalle sette teste, ma il peggiore dei mali reali che oggi minaccia il vivere civile. Nessuno puo' caricare di poteri taumaturgici uno strumento legislativo di un'istituzione come il Consiglio regionale, che non puo' che muoversi sul versante amministrativo e della prevenzione". Il testo introduce "il divieto di installazione di apparecchi per il gioco d'azzardo lecito in locali che si trovino, rispettivamente, a una distanza di 300 metri per i comuni con popolazione fino a cinquemila abitanti o 500 metri per quelli con popolazione superiore a cinquemila, dai luoghi sensibili come istituti scolastici, luoghi di culto, impianti sportivi, luoghi di aggregazione giovanile ed oratori". Con questa legge si affronta il problema in termini equilibrati e giusti, non dimenticando che attorno alle sale da gioco ruota anche un'economia legale, mentre altra cosa sono le attività ludiche che sfociano nel gioco d'azzardo. "Perche' la rete delle istituzioni locali possa ritrovarsi insieme una cultura della legalita' condivisa".

Nel momento dell'approvazione finale, per appello nominale, su richiesta del consigliere di Ap Sinibaldo Esposito, il consigliere di Forza Italia Domenico Tallini evidenzia il senso di responsabilità della minoranza, che "su un tema così importante permette l'approvazione di una legge che altrimenti non sarebbe stato possibile approvare per mancanza di numero legale". Atteggiamento responsabile riconosciuto dal consigliere Giuseppe Giudiceandrea (Democratici e Progressisti) che ha rivolto parole di apprezzamento all'opposizione "che ha assicurato - ha detto - la presenza necessaria per l'approvazione di un provvedimento cosi' importante".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE