28 indagati per truffa: rimborsi irpef per spese mediche inesistenti

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 19, 2018

Per questo motivo 28 persone sono indagate perché ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, falso e sostituzione di persona.

L'attività di indagine avviata nel mese di Settembre 2015, permette di smascherare un sodalizio criminale i cui promotori, avvalendosi di intermediari abilitati e di procacciatori di soggetti dichiaranti hanno nel tempo inoltrato all'agenzia dell'entrate 4459 modelli 730 a nome di contribuenti, all'interno dei quali venivano inserite somme riguardanti spese mediche, e/0 crediti maturati del tutto inesistenti quantificati in circa 52000000 senza che le stesse fossero supportate dalla necessaria documentazione con il solo intento di far percepire, ai contribuenti titolari della dichiarazione un profitto di 25113098 grazie ai rimborsi IRPEF e in realtà del tutto indebiti.

"I 730 erano relativi alle annualità 2013, 2014 e 2015: "I contribuenti - dice il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, Alessandro Pennasilico - titolari delle dichiarazioni, una volta ricevuto l'accredito, dovevano devolvere ai soggetti del sodalizio criminale un 'compenso' variabile dal 30 al 50% del rimborso ricevuto".

Maxi truffa ai danni dell'Agenzia delle Entrate da 25 milioni di euro. Tuttavia, tale somma, grazie all'attività di indagine in parola, non veniva erogata ai soggetti richiedenti. Ieri mattina è scattato in tutta Italia un'operazione della guardia di finanza che ha eseguito un decreto di secreto preventivo per 25 milioni di euro firmato dal gip del tribunale di Torre Annunziata richiesto dai pm della Procura Torres che ha coordinato le indagini dei finanzieri della compagnia di Castellammare di Stabia.

Il sequestro e le sanzioni amministrative. La Guardia di finanza sta effettuando in queste ore una serie di sequestri preventivi per recuperare la cifra equivalente al danno in diverse citta napoletane come Castellammare di Stabia, Boscotrecase, Napoli, Torre del Greco, Pompei, Santa Maria la Carità, Volla e Giugliano.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE