Maxi evasione fiscale nel salernitano: sequestrati beni per un milione di euro

Barsaba Taglieri
Aprile 18, 2018

Il soggetto economico, che opera in un comune della Val d'Agri nel settore del commercio di carburanti per autotrazione, è stato individuato grazie alla capillare azione di controllo economico del territorio, costantemente attuata dai Reparti della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Potenza nell'ambito delle attività finalizzate alla lotta all'evasione fiscale e del sommerso d'azienda. In sostanza, il lavoratore veniva retribuito, a prescindere dalle previsioni del contratto nazionale di categoria del settore, con una paga oraria forfettaria: le buste paga ufficiali erano regolarmente predisposte con l'inserimento delle ore da contratto sindacale, mentre la retribuzione effettiva veniva calcolata sulla base dei fogli di lavoro, con le ore effettivamente svolte. A perderci, tuttavia, sono gli stessi dipendenti i quali, pur percependo nell'immediato una retribuzione più alta, non maturano la giusta contribuzione ai fini pensionistici. Crediti che venivano successivamente utilizzati per compensare i debiti tributari e quindi per non versare le altre imposte dovute allo Stato.

Ma c'è dell'altro. Gli indagati sono accusati anche di aver simulato operazioni straordinarie, come l'affitto di rami d'azienda, e di aver emesso fatture false in favore di numerose società fittizie (controllate da uno degli arrestati).

Nel giro di un paio d'anni la truffa avrebbe fruttato oltre 2.600.000 euro. Il provvedimento del giudice per le indagini preliminari, su richiesta della locale procura dopo le verifiche effettuate dalle fiamme gialle, ha portato al sequestro per equivalente di beni per un valore di poco inferiore al milione. In particolare, la Guardia di Finanza è in grado di individuare vere e proprie associazioni a delinquere che non solo evadono il Fisco per importi rilevanti, mediante il ricorso a schermi societari di comodo e all'emissione di documentazione falsa, ma inquinano il mercato creando ampi danni per il sistema produttivo nel suo complesso.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE