Isabella Rossellini: "Anche io stuprata, ma non denuncio"

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 18, 2018

Da quel giorno sono trascorsi 50 anni ma l'attrice - figlia del regista Roberto e della star svedese Ingrid Bergman - mantiene il massimo riserbo sulla sua identità perché, come spiega al sito Vulture che l'ha intervistata, anche il suo aggressore era giovanissimo, aveva solo un anno più di lei. No, Isabella Rossellini non sa più nulla del suo stupratore, che la violentò quando lei aveva solo 15 anni. "In Italia sono una superstar, se facessi il suo nome gli rovinerei la vita".

"Non so cosa faccia ora. Capisco il valore che per alcune persone può avere il condividere le proprie esperienze ma per quanto mi riguarda, questo non vale". Il caso del produttore cinematografico Harvey Weinstein ha fatto scuola ed è valso il premio Pulitzer al New York Times e al New Yorker per i loro scoop sul tema. "Che senso avrebbe tirare fuori questa storia?" si interroga, sottolineando però l'importanza del movimento #MeToo.

Una delle ragioni per cui la Rossellini pronuncia queste parole, è per via del periodo storico durante il quale quegli abusi si sono verificati. Sua madre Ingrid Bergman ad esempio, era stata emarginata perché rea di aver avuto una relazione extraconiugale.

Nonostante questo, Isabella Rossellini chiarisce quanto consideri importante il movimento del #MeToo. Una cultura che esiste ancora oggi e che le donne stanno cercando di cambiare ma "non penso che la soluzione sia individuare questa persona e distruggere la sua vita". "Questo movimento è riuscito a mostrare tutti imodi in cui le donne possono esser ridotte". Lo stupro è un modo di far del male che tutti possono riconoscere. Ci sono tanti altri modi per fare del male a una donna. Può essere il tuo capo che ti dice: "Mi piace questa gonna su di te". È come quando la gente mi dice: "'Sei così bella per la tua età'". Abbiamo convissuto per anni con questo problema. Finalmente tutto ciò sta cambiando. Ora gli uomini devono capire che non possono più comportarsi così.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE