Inter-Cagliari, Spalletti: "Icardi non può essere contento". E bacchetta Karamoh

Rufina Vignone
Aprile 18, 2018

Quindi il tecnico richiama il giovane Karamoh per qualche finezza di troppo che ha fatto arrabbiare gli avversari: "E' forte, come estro e fiammate ti lascia lì, poi come finalizzazzione ed equilibrio di squadra però ha dei momenti in cui diventa difficile ritrovarlo dentro la squadra". Deve cercare di non perdersi davanti ad atteggiamenti sbagliati, anche se al pubblico piacciono. Il tacco su Gagliardini? Il tacco? È una cosa che non deve fare, gliel'hanno ricordato i compagni, e gliel'ha rimarcato un giocatore esperto come Castan.

Quanto peserà l'assenza di Gagliardini? Può giocare esterno e tra le linee, dove ha meno spazio, riesce nello stretto a divincolarsi. Preoccupa l'infortunio di Gagliardini: "Ci mancherà, ha caratteristiche uniche per noi". Con Roberto si abbina benissimo. Karamoh ogni tanto perde palloni banali, sotto porta deve migliorare. Preavviso? Lì per lì non mi sono accorto di niente. E' bravo quando gli altri ripartono, a prenderti in anticipo quei 2-3 metri perché la giocata la anticipa e ha anche una buona tecnica.

La chiusura infine è dedicata a Icardi che ha realizzato il venticinquesimo goal del suo campionato: "Penso che un calciatore come lui non dovrebbe essere molto contento, e penso che anche lui la pensi così".

I due grandi protagonisti della serata nerazzurra sono stati Marcelo Brozovic e Mauro Icardi, entrambi autori di un gol: il croato sembra essere rinato rispetto al calciatore svogliato che spesso aveva fatto infuriare i tifosi dell'Inter. Certo i gol sono tanti e sta imparando anche a venire ad accorciare la squadra, ha toccato più palloni. Stasera però a fatto meglio da questo punto di vista, sotto quello della realizzazione penso non sia felice, per le palle che gli sono capitate.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE