Ecco le stelle cadenti di aprile

Geronimo Vena
Aprile 18, 2018

Le Liridi, stelle cadenti di primavera, sono tradizionalmente "capricciose": nelle ore del picco si va da 20 meteore all'ora, ad anni in cui se ne possono vedere fino a 100 all'ora.

Le stelle cadenti ci sono anche a primavera. Il picco è atteso per domenica 22 aprile e, nuvole permettendo, lo spettacolo è assicurato e potrebbe anche stupire. Infatti in questa settimana, fino al 25 aprile, le stelle cadenti più antiche mai osservate, le Liridi, torneranno a solcare i nostri cieli.

Le Liridi sono la pioggia di meteore più antica mai osservata. In questa data la Terra si troverà alla distanza minima dalla scia di detriti, o meglio granelli di polvere e ghiaccio, che la cometa G1 Thatcher lascerà al suo passaggio. Quando i frammenti cadono nella parte superiore dell'atmosfera terrestre bruciano, producendo una pioggia di scie luminose che sembra scaturire dalla costellazione della Lira, da cui queste meteore prendono il nome. Il momento migliore è la parte centrale della notte fino all'alba, cioè dopo il tramonto della Luna, che la notte tra il 21 e il 22 aprile sarà quasi al primo quarto. Essa appare all'orizzonte Nord Est intorno alle 22 e rimane alta fino all'alba. Nonostante la prima segnalazione nella storia risalga al 687 a.C in Cina, la scoperta della loro origine avvenne molto tempo dopo, nel 1867, grazie all'astronomo Gottfried Galle, che attestò il legame esistente tra questo fenomeno e la cometa G1 Thatcher, che venne scoperta nel 1861 il cui periodo orbitale è di 415 anni.

Per un'ottima visione delle stelle cadenti, si consiglia di allontanarsi dalle città e dalle zone illuminate.

Insomma, uno spettacolo da non perdere, ma non finisce qui, perché come segnala sempre il sito web dell'Uai in questi giorni e fino a oggi, mercoledì 18 aprile, è attivo anche un altro sciame meteorico minore, quello delle Virginidi.

Inoltre, ha proseguito, "nell'attesa di vedere le Liridi si potrà cogliere l'occasione per osservare Giove, che sorge a Est quasi allo stesso orario della Lira e, chi avrà pazienza di aspettare, nelle ore successive, potrà vedere Marte e Saturno".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE