Alghero, ragazzo cieco con il cane guida cacciato da scuola

Bruno Cirelli
Aprile 17, 2018

Gabriele Pittalis era andato al liceo scientifico di Alghero per informarsi su alcuni corsi di informatica. Ma alla vista del cane, il vicepreside Pietro Sanna ha iniziato a urlare, imponendo di portare il cane immediatamente fuori dall'edificio.

Una incredibile vicenda di cronaca ci arriva dalla Sardegna [VIDEO] e precisamente da Alghero in provincia di #Sassari, dove un ragazzo non vedente si è visto invitato ad allontanarsi da un istituto scolastico dal vicepreside dello stesso, il quale non gradiva la presenza del cane guida che accompagnava il disabile. Un cane che è il compagno di vita per questo bravissimo ragazzo cieco, e che non avrebbe fatto del male a nessuno, La Stampa ricorda: "Ad Alghero c'è un regolamento comunale che vieta l'ingresso di cani e gatti negli istituti scolastici". Ma per il cane-guida di un cieco, è facile da comprendere, quel divieto non può valere. Peggio ancora, in una scuola, dove la sensibilità e il rispetto verso le persone disabili e quelle meno fortunate dovrebbe essere una lezione da seguire a memoria. Pittalis ha ribadito: "Gli insegnanti, e ancor di più il vicepreside, dovrebbero lanciare messaggi educativi ai ragazzi". A scuola Francesco accoglie il signor Gabriele, accompagnato dal cane guida, che chiedeva "un'informazione di tipo amministrativo" racconta l'uomo.

Gabriele Pittalis ha ricevuto la solidarietà del primo cittadino di Alghero, Mario Bruno ed ora dopo lo scandalo anche il vicepreside si è in qualche modo giustificato dicendo non di averlo cacciato, ma di averlo semplicemente invitato a spostarsi dalla zona di passaggio degli studenti. "Non sono un insensibile".

Il caso, comunque, non è chiuso, perché il centralinista della scuola, che è amico di Gabriele ma anche presidente della sezione di Sassari dell'Unione italiana ciechi, ha già scritto al Provveditorato agli studi, al ministro dell'Istruzione e alla Regione.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE